Il libro della giungla

il-libro-della-giungla-poster-trittico-03Credo che in quel di Hollywood, insieme allo sfruttamento in forma seriale del mondo dei supereroi, in virtù di pellicole studiate al millimetro negli agganci fra un episodio e l’altro, con tanto di mirati cliffhanger poco prima dei titoli di coda, abbiano rinvenuto un’altra gallina dalle uova d’oro, succedanea ad una mancanza d’inventiva propriamente detta, fatte salve sporadiche e lodevoli eccezioni. Mi riferisco alla tendenza espressa dalla major Disney da un po’ di tempo a questa parte, volta non solo ad assecondare la propensione a riproporre le “vecchie” fiabe in forma più moderna e spregiudicata, servite in “salsa Shrek”, ma anche ad attingere dal repertorio dei propri classici d’animazione e presentarli in un’inedita versione “carne, ossa e computer graphics”, dando vita ad un risultato finale a metà strada fra il ricalco e l’approfondimento di tematiche proprie del testo d’origine dal quale i suddetti classici erano spesso derivati.
Non sfugge a tale impostazione, almeno ad avviso di chi scrive, Il libro della giungla diretto da Jon Favreau su sceneggiatura di Justin Marks, che si rifà tanto al film d’animazione del 1967 di Wolfgang Reitherman (l’ultimo cartoon Disney prodotto sotto la supervisione di “Zio Walt”, che morì prima della sua uscita) quanto alle opere di Rudyard Kipling (The Jungle Book, 1894; The Second Jungle Book, 1895), richiamando in parte i toni scanzonati del primo e sottolineando soprattutto quelli più drammatici propri delle seconde. Continua a leggere

Milano, MIC- Museo Interattivo del Cinema: una retrospettiva dedicata a Gregory Peck

Gregory Peck (Wikipedia)

Gregory Peck (Wikipedia)

Ha preso il via ieri, venerdì 29 aprile, per concludersi domenica 15 maggio, a Milano, presso il MIC – Museo Interattivo del Cinema, Gregory Peck una retrospettiva a cura di Fondazione Cineteca Italiana che ripercorre la straordinaria carriera del divo, a 100 anni dalla nascita, protagonista indimenticabile di alcuni grandi capolavori come Il buio oltre la siepe di Mulligan, che gli fece vincere l’Oscar nel 1962.
Il via è stato dato da Vacanze romane di William Wyler, con Peck affiancato da Audrey Hepburn, seguito da Il cucciolo di Clarence Brown per il quale l’attore ottenne la seconda nomination all’Oscar e da Io ti salverò di Hitchcock.
La retrospettiva prevede altri titoli certo interessanti, quali La donna del destino di Vincente Minnelli con Lauren Bacall; Il promontorio della paura del 1962 diretto da J. Lee Thompson, film carico di suspense grazie soprattutto alle efficaci musiche di Bernard Herrmann, di cui Martin Scorsese eseguì il remake nel 1991; I ragazzi venuti dal Brasile con Laurence Olivier, in cui Peck impersonò il sadico medico Josef Mengele e infine Arabesque di Stanley Donen in cui accanto a Sophia Loren interpretò un noto professore di Oxford che si caccia nei guai a causa di un losco petroliere arabo; tutti film idonei a ricordare l’encomiabile duttilità di un grande attore, tanto imponente nella presenza scenica quanto essenzialmente sobrio nella resa recitativa, del tutto priva di manierismi, caratteristiche che gli permisero di affrontare con elegante disinvoltura diversi generi cinematografici, alternando caratterizzazioni improntate ad una maggiore fisicità ad altre leggermente più sfumate, volte ad approfondire e far risaltare la psicologia dei personaggi interpretati. Continua a leggere

69mo Festival di Cannes: le Giurie di “Un Certain Regard”, “Cinéfondation” e “Caméra d’or”

Marthe Keller

Marthe Keller

Gli organizzatori del 69mo Festival di Cannes (11-22 maggio) hanno comunicato oggi, giovedì 28 aprile, la composizione di tutte le altre giurie della kermesse, dopo aver reso nota nei giorni scorsi quella relativa al Concorso. Un Certain Regard vedrà come Presidente l’attrice svizzera Marthe Keller e avrà i seguenti componenti: l’attrice francese Céline Sallette, il regista svedese Ruben Östlund, l’attore, regista e produttore messicano Diego Luna.
La sezione comprende 18 titoli in competizione, sarà inaugurata dal film Clash (Mohamed Diab, Egitto) e i vincitori verranno annunciati nella cerimonia di chiusura sabato 21 maggio. Continua a leggere

Venezia 73: il regista Sam Mendes Presidente della Giuria internazionale

Sam Mendes, Charlie and the Chocolate Factory opening night, Theatre Royal Drury Lane, London UK, 25 June 2013, (Photo by Richard Goldschmidt)

Sam Mendes, Charlie and the Chocolate Factory opening night, Theatre Royal Drury Lane, London UK, 25 June 2013, (Photo by Richard Goldschmidt)

Sarà il regista britannico Sam Mendes (American Beauty, Era mio padre, Skyfall, Spectre) a presiedere la Giuria internazionale del Concorso della 73ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (31 agosto10 settembre), che, complessivamente composta da 9 personalità del cinema e della cultura di diversi Paesi, assegnerà il Leone d’oro per il miglior film e gli altri premi ufficiali (Gran Premio della Giuria, Premio per la migliore regia, Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile, Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile, Premio per la migliore sceneggiatura, Premio Speciale della Giuria, Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergente). Continua a leggere

Milano: “Italia Loves Sicurezza”

map_italiaSITOCineteca Italiana e Fondazione LiHS, in collaborazione con INAIL – Direzione Regionale Lombardia, presentano il progetto Italia Loves Sicurezza.
L’iniziativa prevede nella giornata di giovedì 28 aprile, a Milano, tre appuntamenti al MIC – Museo Interattivo del Cinema con altrettante proiezioni, uno a Spazio Oberdan, con uno spettacolo teatrale, e un incontro presso il Centro per la cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro e di vita.
La giornata inizierà al MIC alle ore 15 quando sarà proiettato Con il fiato sospeso, intenso e duro film di Costanza Quatriglio che vede Alba Rohrwacher nei panni della protagonista, una studentessa ricercatrice che dovrà imbattersi in una strada amara e pericolosa; in programma poi alle ore 17 La legge del mercato, film di denuncia diretto da Stéphane Brizé, che racconta la storia di un uomo costretto a misurarsi con pratiche estranee alla sua morale; chiuderà il pomeriggio del MIC, alle ore 19, Gli ultimi saranno ultimi di Massimiliano Bruno con Alessandro Gassman e Paola Cortellesi, film idoneo ad offrire voce a determinate istanze sociali, proprie di quanti si sono accontentati negli anni di gestire quel minimo concessogli dalla vita e dalle proprie possibilità, da difendere con ogni mezzo possibile, anche estremo, contro ogni sopruso o angheria; presso Spazio Oberdan alle ore 17 andrà in scena “Il virus” che ti salva la vita, uno spettacolo teatrale che – mescolando parole, movimento, musica e video – vuole offrire una galleria ricca di spunti di riflessione, emozione e ironia sulla salute e la sicurezza. Infine presso il Centro per la Cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro e di vita si terrà l’incontro Workers’ Memorial Day. Continua a leggere

69mo Festival di Cannes, ecco la giuria

(festival-cannes.fr)

(festival-cannes.fr)

Sono stati resi noti ieri, lunedì 25 aprile, i nominativi dei giurati che andranno ad affiancare il presidente George Miller al 69mo Festival di Cannes, ai quali toccherà il compito di attribuire la Palma d’Oro e gli altri premi, nel corso della cerimonia di chiusura il 22 maggio: Valeria Golino (attrice, regista, sceneggiatrice, produttrice – Italia), Kirsten Dunst (attrice – Stati Uniti), Vanessa Paradis (attrice, cantante- Francia), Katayoon Shahabi (produttrice- Iran), Arnaud Desplechin (regista, sceneggiatore- Francia), Mads Mikkelsen (attore – Danimarca), László Nemes (regista, sceneggiatore- Ungheria), Donald Sutherland (attore, Stati Uniti).

Intervista con Alberto Gatto

Alberto Gatto

Alberto Gatto

Venerdì 15 aprile presso l’Auditorium di Gioiosa Ionica (RC) si è svolta la presentazione del nuovo cortometraggio di Alberto Gatto, Mer Rouge, finanziato dalla Regione Calabria e promosso dal Comune di Gioiosa Ionica, partner Re.Co.Sol. Interpreti Nick Mancuso e Sherif Amadou. Una serata spigliata e coinvolgente, attenta al sociale, che ha visto esibirsi Manuela Cricelli accompagnata dai musicisti Peppe Platani, Vincenzo Oppedisano e Federico Placanica; l’attore Enzo De Liguoro con la sua vibrante interpretazione del testo Cadeau di Roberto De Angelis; i Marvanza, autori della colonna sonora del corto.
La direzione artistica dell’evento è stata curata da BirdLand, progetto dell’associazione culturale Bird Production, nato dall’incontro di esperti del settore cinematografico, video/fotografico e musicale (Gatto, Frank Armocida, Aldo Albanese, Giuseppe Cremona, Vincenzo Oppedisano). Di seguito, un’intervista con il regista Alberto Gatto, che ringrazio per la disponibilità. Continua a leggere