Archivi tag: Andrea Segre

News da Venezia e Roma

John Woo

Tre nuovi titoli, presentati in anteprima mondiale, vanno a completare il programma della 74ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (30 agosto – 9 settembre), diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale presieduta da Paolo Baratta: Zhuibu (Manhunt), l’atteso ritorno di John Woo, che ha ricevuto a Venezia il Leone d’oro alla carriera nel 2010, al thriller poliziesco, genere che lo ha reso famoso con The Killer e Hardboiled.
Remake contemporaneo di un classico giapponese del genere, è la storia di un uomo cinese incastrato per omicidio in Giappone, che tenta di riabilitare il suo nome mentre deve sfuggire alla caccia della polizia giapponese e agli attacchi di misteriosi killer. Il film verrà presentato Fuori Concorso; L’ordine delle cose, di Andrea Segre (Io sono Li, La prima neve), che racconta la storia di Corrado, poliziotto di una task force specializzata nella gestione del sistema di controllo dei flussi migratori, il quale riceve il compito di coordinare una delicata missione in Libia e lì incontra Swada, una donna somala che sta cercando di raggiungere il marito in Finlandia. Il film verrà presentato in Proiezioni speciali; infine L’enigma di Jean Rouch a Torino – Cronaca di un film raté, documentario diretto da Marco di Castri, Paolo Favaro, Daniele Pianciola, che racconta la storia di quello che fu un vero “laboratorio d’idee”, e la nascita del film che ne è derivato: Enigma, ricostruendo i due anni che intercorsero tra l’arrivo di Jean Rouch e la conclusione del progetto, attraverso la voce dei suoi protagonisti in dialogo con un materiale straordinario: oltre 20 ore di making of.
Il film sarà presentato all’interno della sezione competitiva Venezia Classici – Documentari. Continua a leggere

Milano, MIC- Museo Interattivo del Cinema: “Il diritto della sicurezza del lavoro”

Dal 6 al 20 aprile al MIC – Museo Interattivo del Cinema di Milano Fondazione Cineteca Italiana, nell’ambito del progetto Lo spettacolo della sicurezza, in collaborazione con INAIL Direzione Regionale Lombardia, presenterà Il diritto della sicurezza del lavoro, due appuntamenti organizzati dal Professor Bruno Giordano, Magistrato presso la Corte di Cassazione, sui temi del diritto e della sicurezza sul lavoro.
Giovedì 6 aprile alle ore 17 in calendario Polvere – Il grande processo dell’amianto (2011) di Niccolò Bruna e Andrea Prandstraller, documentario che segue i primi mesi del processo alla multinazionale Eternit, a cui interverranno: Daniele Borioli (senatore, capogruppo Commissione di inchiesta sugli infortuni sul lavoro), Gianfranco Colace (pubblico ministero nel processo Eternit), Bruno Giordano (magistrato, professore di diritto della sicurezza del lavoro), Bruno Pesce (presidente associazione familiari vittime Eternit),  Bianca Rimoldi (Contarp-INAIL), Titti Palazzetti (Sindaco di Casale Monferrato) e Nicola Pondrano (già Presidente Fondo vittime amianto). Continua a leggere

“Festival CinemAmbiente”- XVIII Edizione

cinemambiente-2015In base a quanto affermato da Gaetano Capizzi, direttore del Festival CinemAmbiente, la 18ma edizione della kermesse, che si svolgerà a Torino dal 6 all’11 ottobre, può ritenersi un evento speciale, in particolare considerando lo spostamento dalle tradizionali date di giugno così da aderire a Nutrire le Città, un ampio progetto della Città di Torino che vede affiancati al Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale diversi eventi culturali.
Il Festival è stato quindi incluso nel vasto cartellone ExpoTo2015, collocazione che ne ha comportato l’adozione del tema portante, la dimensione del “nutrimento”. Infatti il film di apertura sarà 10 Billion – What’s on Your Plate? del tedesco Valentin Thurn (Cosa mangeremo nel 2050 quando saremo 10 miliardi?) e i titoli delle varie sezioni saranno incentrati sulla suddetta tematica.
Nella riproposizione dei tradizionali concorsi, vi sarà la novità della sezione Torino e le Alpi, sostenuta dalla Compagnia di San Paolo, con film sulla dimensione ambientale e sociale della montagna, mentre nella sezione Panorama troviamo omaggi a due festival dei quali la kermesse torinese condivide lo spirito: Interfilm di Berlino e il DREFF della Repubblica Dominicana. Infine, sempre fra le novità, il Premio del Pubblico sostenuto da Iren e un premio al miglior film sulla green economy, come occasione di lavoro e inclusione sociale, assegnato dai soci della Cooperativa Arcobaleno. Continua a leggere

68mo Festival del Film Locarno, “la casa delle immagini”

LOC68-poster-F24-Soletta-FB-jan-880x839Decisamente suggestiva, e dalla valida visionarietà cinematografica, la rappresentazione offerta da Carlo Chatrian, Direttore Artistico del 68mo Festival del Film Locarno (5-15 agosto), volta a visualizzare il grande schermo e la stessa kermesse svizzera come “casa delle immagini”.
L’ispirazione è stata offerta dalla circostanza che lo sfondo offerto da varie abitazioni va ad inserirsi nel nucleo narrativo di molti film in programma, a partire dalla pellicola d’apertura, Ricki and the Flash, diretta da Jonathan Demme, che in Italia uscirà il 10 settembre, col titolo Dove eravamo rimasti. Spazi abitativi al cui interno è possibile ritrovare e condividere sentori affettivi che si ritenevano ormai del tutto perduti, simbolo al tempo stesso di possibili rinascite interiori e di molteplici problematiche, luoghi la cui perdita è possibile da un momento all’altro, per necessità o sulla spinta di ulteriori evenienze. Continua a leggere

Venezia 72: “Giornate degli Autori- Venice Days”

1E’ stato presentato ieri, venerdì 24 luglio, il programma delle Giornate degli Autori 2015, che si svolgeranno dal 2 al 12 settembre nel quadro della 72ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, rassegna promossa dalle Associazioni italiane degli Autori (Anac e 100autori), in accordo con La Biennale di Venezia. Dirette da Giorgio Gosetti e presiedute da Roberto Barzanti, le Giornate degli Autori – Venice Days portano ogni anno al Lido le voci del cinema indipendente di tutto il mondo, offrendo anche spazio al dialogo e alla ricerca in uno spirito che certamente va oltre la semplice passerella di anteprime cinematografiche. Numeri e nomi di questa 12ma edizione: 20 film, 15 paesi, 8 opere prime, 18 prime mondiali, 8 registe donne, un maestro del cinema mondiale come Carlos Saura, il Premio Nobel per la letteratura Orhan Pamuk e il fondatore dell’Odin Teatret, Eugenio Barba, protagonisti di due eventi speciali; Laurent Cantet in veste di presidente della giuria; la musa della Nouvelle Vague, Agnès Varda, al centro del progetto Women’s Tales realizzato insieme a Miu Miu. Continua a leggere

Nastri d’Argento 2015: le cinquine dei documentari

ffasfasIl SNGCI, Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani, ha comunicato nei giorni scorsi le cinquine dei documentari in concorso per il Nastro d’Argento, che verrà assegnato martedì 3 marzo presso la Casa del Cinema di Roma.
I premi dell’anno, incentrati sulla fotografia del paese che il cinema del reale ha scattato attraverso società, quotidianità, memoria, non solo politica, sono stati attribuiti a Italy in a Day (Gabriele Salvatores), Felice chi è diverso (Gianni Amelio) e Quando c’era Berlinguer (Walter Veltroni).
Un premio speciale sarà attribuito a Jacopo Quadri per La scuola d’estate, documentario sulla formazione teatrale con Luca Ronconi.
I titoli sono stati selezionati dal Direttivo Nazionale del SNGCI, che ha concluso il proprio mandato con la fine dello scorso anno, mentre premi e finalisti sono stati in seguito decisi dal nuovo Direttivo, nell’ambito dei documentari presentati nei più importanti festival (poi usciti in sala o in dvd, o andati in onda su una rete tv) fra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2014. Continua a leggere

Milano, al Mic – Museo Interattivo Del Cinema la rassegna “Il tempo dell’uomo: lavoro e no”

imagesY17I4I9ODa oggi, mercoledì 15 ottobre, e fino al 5 novembre, presso MIC – Museo Interattivo del Cinema (Viale Fulvio Testi, 121), Fondazione Cineteca Italiana presenta una rassegna cinematografica (ingresso libero) sui temi dell’intercultura, parte essenziale del progetto Il tempo dell’uomo: lavoro e no, iniziativa intergenerazionale promossa da Fondazione Pirelli e dedicata alla Zona 9 di Milano, atta al coinvolgimento della popolazione residente in un percorso di riscoperta del territorio attraverso incontri, visite guidate, laboratori e momenti di formazione legati al linguaggio dell’arte cinematografica.
La rassegna proposta è connessa al tema ineludibile della trasformazione, ed esplora il multiculturalismo odierno attraverso lo sguardo dei lavoratori e attraverso una rilettura della figura dell’anziano contemporaneo, con un focus sulla città di Milano. Le pellicole inserite in programma offrono dunque uno spunto sulle modalità in cui le diverse culture dialogano tra loro, e i cambiamenti che questo confronto sollecita. Alcune proiezioni saranno introdotte e raccontate dai testimoni che hanno aderito al progetto. Continua a leggere