Archivi categoria: Venezia 71

Venezia 71: Leone d’Oro a Roy Andersson per “A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence”

Roy Andersson (tg24.sky.it)

Roy Andersson (tg24.sky.it)

Un po’ a sorpresa rispetto alle indiscrezioni trapelate nel corso della giornata odierna, sabato 6 settembre, il Leone d’Oro della 71ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, secondo il verdetto espresso dalla Giuria presieduta da Alexandre Desplat e composta da Joan Chen, Philip Gröning, Jessica Hausner, Jhumpa Lahiri, Sandy Powell, Tim Roth, Elia Suleiman, Carlo Verdone, è stato conferito al regista svedese Roy Andersson per A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence. Il Leone d’Argento per la migliore regia è andato a Andrei Konchalovski (The Postman’s White Nights), mentre Hungry Hearts di Saverio Costanzo vede premiati i suoi protagonisti, Alba Rohrwacher e Adam Driver, con la Coppa Volpi per la miglior interpretazione.
Gran Premio della Giuria a The Look of Silence di Joshua Oppenheimer, documentario sul genocidio in Indonesia conseguente al colpo di stato del 1965, come il precedente The Act of Killing, che riconferma la vitalità del genere dopo il Leone d’Oro alla Mostra dello scorso anno conseguito da Gianfranco Rosi con Sacro Gra, oltre a dimostrare l’interesse, tra l’altro apertamente dichiarato, dei giurati verso opere idonee a descrivere la difficile realtà che stiamo vivendo, o a ricordare gli orrori che abbiamo vissuto, con uno stile narrativo del tutto personale, alternando realismo, stupore e toni poetici. Continua a leggere

Annunci

Ultime da Venezia, in attesa del Leone d’Oro

Vuk Ršumović (sicvenezia.it)

Vuk Ršumović (sicvenezia.it)

E’ stato assegnato ieri, venerdì 5 settembre, il Premio del Pubblico RaroVideo, del valore di 5.000 euro, al miglior film della 29ma Settimana Internazionale della Critica, nell’ambito della 71ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, che è risultato No One’s Child (Ničije dete) di Vuk Ršumović. Oggi, sabato 6 settembre, in Sala Perla, alle ore 11:30, è in programma la proiezione aggiuntiva del film vincitore.
Inoltre Ršumović ha ottenuto dalla giuria della FEDEORA (Federazione dei Critici Europei dei Paesi Euromediterranei), composta da Nenad Dukic, Ninos Mikelides, Dubravka Lakic, Eva Af Geijerestam e Matic Majcen, sempre all’interno della Settimana Internazionale della Critica, il riconoscimento come Miglior Sceneggiatore, mentre quello per il Miglior Film è andato a Đập cánh giữa không trung – Flapping in the Middle of Nowhere, di Nguyễn Hoàng Điệp.
images148FC4HW

*********************************
images97KNHWKDIl Premio del Pubblico BNL, attribuito al film più votato dagli spettatori tra quelli della Selezione Ufficiale delle Giornate degli Autori, è stato conquistato da Mita tova – The Farewell Party di Tal Granit & Sharon Maymon, che ha ottenuto il 97,39% delle preferenze. Il film è interpretato da Zeev Revah, Levana Finkelstein, Alisa Rozen, Ilan Dar, Rafael Tabor. Sempre all’interno delle Giornate degli Autori, I nostri ragazzi (tratto dal romanzo La cena, di Herman Koch), diretto da Ivano De Matteo, si è aggiudicato l’undicesima edizione del Label Europa Cinemas come miglior film europeo: ricevendo questo riconoscimento, potrà beneficiare di un supporto promozionale da Europa Cinemas e di una migliore visibilità grazie all’incentivo finanziario per una rete di sale che lo programmerà. Continua a leggere

Venezia 71: “Ritorno a L’ Avana” di Laurent Cantet vince il “Premio delle Giornate degli Autori”

Giornate-degli-Autori-11-2104-LocandinaLa Giuria Ufficiale del Venice Days Award presieduta da Diego Lerman e composta dai partecipanti al programma 28 Volte Cinema del Parlamento Europeo ha assegnato, nell’ambito della Selezione Ufficiale 2014, il Premio Giornate degli Autori a Retour A Ithaca – Ritorno a L’avana di Laurent Cantet (Francia, vendite internazionali: Funny Balloons; distribuzione italiana: Lucky Red). Questa la motivazione: “Con un luogo e un tempo delimitato, il regista riesce a realizzare un racconto emotivo e complesso su come affrontare i segreti del passato”.

Laurent Cantet (Wikipedia)

Laurent Cantet (Wikipedia)

Il Premio consiste in un Trofeo offerto dalla vetreria storica di Murano Seguso e in un contributo in denaro di Euro 20.000, che viene egualmente ripartito tra il regista e il suo distributore internazionale, il quale si impegna ad utilizzare la cifra ricevuta per la promozione del film vincitore. La cerimonia di consegna del Premio si terrà oggi, venerdì 5 settembre, alle ore 19.30, presso la Villa degli Autori.
La premiazione ospiterà anche la consegna dei Premi Fedeora e del Label Europa Cinemas, per concludersi con l’annuncio del Premio del Pubblico BNL.

Venezia 71: i Premi Francesco Pasinetti 2014

imagesI giornalisti cinematografici aderenti al Sngci hanno assegnato oggi, venerdì 5 settembre, i Premi Francesco Pasinetti 2014, fra i riconoscimenti collaterali della Mostra Internazionale d’ Arte Cinematografica di Venezia: la scelta dei vincitori da parte del Direttivo Nazionale, sulla base anche delle segnalazioni dei giornalisti iscritti accreditati, considerata l’alta qualità delle opere selezionate nella 71ma edizione, quest’anno ha avuto come oggetto esclusivamente i film in Concorso. Di seguito, l’elenco dei riconoscimenti assegnati:

Francesco Munzi

Francesco Munzi

Miglior Film: Anime Nere, di Francesco Munzi. Migliori interpretazioni: Elio Germano (Il giovane favoloso, di Mario Martone) e Alba Rohrwacher (Hungry Hearts, di Saverio Costanzo). Premi Pasinetti Speciali: per la regia Saverio Costanzo (Hungry Hearts, Venezia 71); per il film: Ivano de Matteo (I nostri ragazzi, Giornate degli autori); Pierfrancesco Favino, protagonista e produttore (Senza nessuna pietà, di Michele Alhaique, Orizzonti).

Lido di Venezia, presentazione del documentario “Cieli rossi, Bassano in guerra”

unnamedOggi, mercoledì 3 settembre, alle ore 15.00, presso l’area Chez Vouz dell’Hotel Excelsior al Lido di Venezia, all’interno delle iniziative della 71ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, verrà presentato Cieli rossi, Bassano in guerra, un documentario scritto e diretto da Giorgia Lorenzato e Manuel Zarpellon. La produzione è di Blue Film e Sole e Luna Production con la collaborazione dell’Istituto Luce. Il film racconta la tragedia della Grande Guerra attraverso lo sguardo dei protagonisti del tempo, da entrambi i fronti, e tramite le terrificanti tracce che questo conflitto ha lasciato sul territorio. Insieme agli autori sarà presente lo storico Marco Mondini, che ha collaborato riguardo la ricostruzione storica dei fatti.

Venezia 71: la composizione delle Giurie

Carlo Verdone (cinemananopress.it)

Carlo Verdone (cinemananopress.it)

Venezia 71 (Concorso):la Giuria internazionale di Venezia 71 (27 agosto-6 settembre) è presieduta dal musicista francese Alexandre Desplat e composta da Joan Chen, attrice e regista cinese; Philip Gröning, regista tedesco; Jessica Hausner, regista austriaca; Jhumpa Lahiri, scrittrice statunitense di origine indiana; Sandy Powell, costumista inglese; Tim Roth, attore inglese; Elia Suleiman, regista palestinese; Carlo Verdone, regista e attore italiano.
A loro il compito di conferire ai lungometraggi in Concorso i seguenti premi ufficiali: Leone d’Oro per il miglior film; Leone d’Argento per la migliore regia; Gran Premio della Giuria; Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile; Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile; Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergenti; Premio per la migliore sceneggiatura; Premio Speciale della Giuria. Continua a leggere

News da Venezia

untitledyyPer il terzo anno consecutivo torna all’interno della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (71ma edizione, 27 agosto-6 settembre) la Sala Web, così da consentire la visione in streaming di alcuni titoli della kermesse lagunare, per un programma che comprende 11 lungometraggi in prima mondiale (otto della sezione Orizzonti, dedicata alle nuove tendenze cinematografiche e tre di Biennale College – Cinema, il laboratorio di alta formazione per lo sviluppo e la produzione di film a micro-budget).
In particolare i titoli disponibili online comprendono la pellicola d’apertura di Orizzonti, The President, per la regia dell’iraniano Mohsen Makhmalbaf, tre film italiani (La vita oscena di Renato De Maria, Io sto con la sposa di Antonio Augugliaro, Gabriele Del Grande, Khaled Soliman Al Nassiry per Orizzonti e Short Skin di Duccio Chiarini per Biennale College – Cinema) e altre sette innovative opere da tutto il mondo (Argentina, Azerbaijan, Croazia, Georgia, Gran Bretagna, India, Usa). I film saranno visibili in streaming per 5 giorni a partire dalla data delle loro proiezioni ufficiali alla Mostra, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale presieduta da Paolo Baratta. Continua a leggere