Archivi categoria: Cultura

Un ricordo di Giorgio Capitani

Giorgio Capitani

Ci lascia il regista e sceneggiatore Giorgio Capitani (Parigi, 1927), morto ieri, sabato 25 marzo, a Viterbo, cineasta forse sconosciuto ai più ma che si è sempre contraddistinto per una certa eleganza nel dirigere popolari commedie, spesso debitrici nella loro struttura narrativa alla pochade di scuola francese (Pane, burro e marmellata, 1977; Aragosta a colazione, 1979) e caratterizzate da una attenta sottolineatura delle interpretazioni attoriali, non disdegnando anche qualche incursione in diversi generi cinematografici quali il peplum (Ercole, Sansone, Maciste e Ursus gli invincibili, 1964) o il western (Ognuno per sé, firmato con lo pseudonimo George Holloway, 1968), senza dimenticare gli esordi, dopo un’attività di aiuto regista, nel melò (Delirio, 1954, codiretto con Pierre Billion, remake dell’omonimo film, Orage il titolo originale, per la regia di Marc Allégret, 1938), genere in cui Capitani offrì poi altre prove (Pescatore ‘e Pusilleco, 1954; Il piccolo vetraio, 1955; La trovatella di Milano, 1956) prima di dedicarsi come già scritto alla commedia (alternando riuscite realizzazioni ad altre più ordinarie, per quanto mai volgari) ed infine alla fiction televisiva, settore quest’ultimo dove portò al successo serie quali E non se ne vogliono andare! (1988, cui seguì un anno dopo E se poi se ne vanno?), Il maresciallo Rocca (1996-2005), Commesse (1999-2002), sempre contraddistinte da un taglio piuttosto accurato tanto nella messa in scena complessiva quanto nella direzione degli attori.

Questione di fede

“Marchese vorrebbe che le legga due versetti della Bibbia?”

“Mi dispiace infinitamente, ma sono cattolico … Goodnight !”

“Povero fanciullo …”

(Dialogo fra una duchessa inglese, Amy Dalby, e il sedicente marchese Dante Fontana, Alberto Sordi, in una scena del film Fumo di Londra, 1966, esordio alla regia dell’Albertone nazionale).

Milano, Festival “Cervello&Cinema” I Edizione

Perché i film ci piacciono e ci coinvolgono? Che impatto hanno su di noi?
Come influenzano il cervello, e come il cervello è influenzato da ciò che vede sullo schermo? È diverso guardare un film a casa o al cinema, sul tablet o sul grande schermo? Perché al cinema ci si emoziona pur sapendo che ciò che avviene davanti ai nostri occhi è fittizio?
A queste e altre domande risponderanno neuroscienziati e psicanalisti durante la prima edizione del Festival Cervello&Cinema (27 marzo – 2 aprile, Cinema Spazio Oberdan a Milano), evento che porta avanti la tradizione divulgativa dei BrainForum di BrainCircleItalia (presidente Viviana Kasam), organizzato insieme a Ospedale San Raffaele, Fondazione Cineteca Italiana e Hebrew University of Jerusalem, con il supporto di Roche e Cisal e il Patrocinio del Comune di Milano. Obiettivo degli organizzatori è avvicinare un pubblico di non addetti ai lavori e giovani alla ricerca scientifica, uscendo dal mondo accademico e affrontando temi di grande attualità e interesse con un linguaggio accattivante e attraverso celebri film, tra i quali: Persona di Ingmar Bergman, che sarà accompagnato da un dibattito sul ruolo dei neuroni specchio; A Dangerous Method di David Cronenberg, che approfondirà il tema dell’uso dell’elettroshock; L’amore bugiardo di David Fincher, con cui si affronterà il tema della menzogna; Alla ricerca di Dory di Andrew Stanton e Angus MacLane che servirà da spunto per parlare dei Segreti della memoria. Continua a leggere

70mo Festival di Cannes: il regista romeno Cristian Mungiu presiederà la giuria di Cinéfondation e dei cortometraggi

Cristian Mungiu

Sarà il regista romeno Cristian Mungiu a presiedere la giuria di Cinéfondation e dei cortometraggi al 70mo Festival di Cannes (17 -28 maggio). Mungiu è stato membro della giuria del concorso principale, presieduta da Steven Spielberg, nel 2013, alla 66ma edizione del Festival, ed ha vinto la Palma d’Oro con la sua opera seconda 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni (4 luni, 3 săptămâni și 2 zile)  nel 2007, 60ma edizione della kermesse francese,  mentre alla 65ma edizione nel 2012 ha conseguito il riconoscimento per  migliore sceneggiatura e attrice (Cosmina Stratan e Cristina Flutur) con Oltre le colline (Dupa dealuri) e lo scorso anno è stato premiato per la regia di Un padre, una figlia (Bacalaureat).

Tomás Milián (1933-2017)

Tomás Milián

E’ morto lo scorso mercoledì, 22 marzo, a Miami, Tomás Milián (Tomás Quintín Rodríguez, Culono, La Avana, 1933), poliedrico e carismatico attore che tanto ha dato al nostro cinema, sia quello  propriamente autoriale (Luchino Visconti, Valerio Zurlini, Mauro Bolognini), sia quello genuinamente popolare (Sergio Corbucci, Lucio Fulci, Alberto De Martino), connotando con la riuscita caratterizzazione di  personaggi sempre più iconici l’inventiva e fiorente produzione di genere propria degli anni ’60 e ’70, semplice ed “artigianale”, frutto di geniali e spesso felici intuizioni, dalla connotazione e fascinazione forse ingenua ma connotata da una sana creatività. Milián, la cui infanzia fu segnata da un doloroso evento (a 12 anni assistette al suicidio del padre, generale del regime di Gerardo Machado), lasciò Cuba nel 1955 per recarsi negli Stati Uniti, a Miami, dove frequentò l’Accademia Teatrale. Qui il suo talento venne notato da un insegnante, che lo spinse ad iscriversi all’Actors Studio di New York, diretto all’epoca da Lee Strasberg; dopo aver preso parte ad una serie di lavori teatrali a Broadway e  partecipato alla serie televisiva Decoy (Una donna poliziotto, 1957-1959), grazie a Jean Cocteau Milián giunse in Italia, per prendere parte al Festival di Spoleto del 1959, interpretando un testo del cineasta francese, Le poète et la muse, diretto da Franco Zeffirelli. Continua a leggere

La bella e la bestia

La bella e la bestia è una fiaba dalle origini antiche, che possono farsi risalire ad Amore e Psiche (da Le metamorfosi o L’asino d’oro di Lucio Apuleio); dopo anni di tradizione orale si è poi concretizzata in due versioni, la prima di Gabrielle-Suzanne Barbot de Villeneuve (1740, in La jeune américaine, et les contes marins) e la seconda consistente nella sua riduzione ad opera di Jeanne-Marie Leprince de Beaumont (1756, Magasin des enfants, ou dialogues entre une sage gouvernante et plusieurs de ses élèves); meno nota è la riproposizione del racconto originario ad opera del novelliere Giovanni Francesco Laparola (Il re porco, ne Le piacevoli notti, 1550). Tra le trasposizioni cinematografiche con “attori in carne ed ossa” si possono certo ricordare quella di Jean Cocteau (1946), dalla suggestiva messa in scena, immaginifica e poetica in egual misura, la più recente (2013) ad opera di  Chri­sto­phe Gans, roboante e barocco tout pourri di citazioni cinematografiche ad alta resa digitale, convincente da un punto di vista essenzialmente visivo, ma dallo scarso calore empatico, mentre nel settore dell’animazione resta memorabile il film realizzato dalla Disney nel 1991, per la regia di Gary Trousdale e Kirk Wise: strutturato essenzialmente come un buon musical, nella sua ottima fattura visuale e contenutistica appariva idoneo a renderti con gli interessi il senso più puro ed essenziale della “bella fiaba”, oltre ad innovare una volta per tutte la figura della protagonista femminile. Continua a leggere

Monica Bellucci madrina del 70mo Festival di Cannes

Monica Bellucci

Sarà l’attrice italiana Monica Bellucci ad inaugurare il 70mo Festival di Cannes mercoledì 17 maggio e a condurre la cerimonia di premiazione durante la serata conclusiva, domenica 28 maggio, quando verrà reso noto il verdetto espresso dalla Giuria presieduta da Pedro Almodóvar.
Già madrina sulla Croisette nel 2003, mentre nel 2006 era fra i componenti della Giuria (presidente Wong Kar Wai),  Monica Bellucci succede nel ruolo a Laurent Lafitte e Lambert Winson ed è stata tra le presenze più assidue della kermesse francese, fin dal 2000 con Under Suspicion di Stephen Hopkins, per poi scatenare una serie di polemiche due anni più tardi con Irreversible (Gaspar Noè); vi tornò con Sanguepazzo di Marco Tullio Giordana, 2008,e con Do not Look Back di Marina de Van, 2009. Nel 2014 vi ha preso parte con Le meraviglie di Alice Rohrwacher, film vincitore del Grand Prix De La Jurie.
Fra gli ultimi suoi lavori, On the Milky Road (Na mlijecnom putu, Emir Kusturika), la terza stagione di Twin Peaks (David Lynch).