Archivi categoria: 32mo Torino Film Festival

32mo Torino Film Festival, “Mange tes morts” miglior film

jjtSi è conclusa ieri, sabato 29 novembre, la 32ma edizione del Torino Film Festival, diretta da Emanuela Martini, con l’assegnazione dei premi nelle varie sezioni. Interessanti risultati per Triangle di Costanza Quatriglio (presentato nella sezione Diritti & Rovesci curata dal guest director della kermesse, Paolo Virzì), al quale è stato conferito il Premio Cipputi, e N-Capace di Eleonora Danco, che ha ottenuto sia la Menzione speciale della giuria, sia quella attribuita ai personaggi intervistati; oggi, domenica 30 novembre, presso il Cinema Massimo di Torino saranno replicati alcuni dei film presentati o premiati all’interno delle sezioni del Festival.
Di seguito, il palmarès completo.

untitled ffConcorso Internazionale Lungometraggi. La giuria composta da Ferzan Ozpetek, Geoff Andrew, Carolina Crescentini, Debra Granik e György Pálfi ha conferito il premio di Miglior Film (€ 15.000) a Mange tes morts (Jean-Charles Hue, Francia, 2014). Premio Speciale della giuria – Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (€ 7.000), For Some Inexplicable Reason (Gábor Reisz, Ungheria, 2014). Menzione speciale della giuria, N-Capace (Eleonora Danco, Italia, 2014). “Abbiamo attribuito una menzione speciale a quest’opera prima perché dimostra di essere una grande promessa per il futuro e perché ci ha colpito emotivamente e intellettualmente con un ritratto, così lirico e penetrante, dell’Italia di oggi”. Continua a leggere

Annunci

32mo Torino Film Festival: i premi collaterali

(cinemaitaliano.info)

(cinemaitaliano.info)

Sono stati assegnati oggi, sabato 29 novembre, i premi collaterali del 32mo Torino Film Festival.
Di seguito riporto i nominativi dei vincitori e le motivazioni delle giurie. La cerimonia di chiusura della kermesse torinese avrà luogo questa sera, alle ore 20, presso il cinema Reposi 3, ospite d’onore Anna Mazzamauro, che presenterà un omaggio ad Anna Magnani per poi affiancare il direttore artistico Emanuela Martini nella comunicazione delle premiazioni. In chiusura, la proiezione del film Wild, di Jean-Marc Vallée. Continua a leggere

7° TorinoFilmLab, i vincitori

untitleduSi è chiuso mercoledì 26 novembre il 7° TorinoFilmLab Meeting Event, momento conclusivo di un anno di attività del TorinoFilmLab (TFL): un incontro-evento che è stato insieme presentazione pubblica dei progetti sviluppati nei programmi del TFL, mercato di co-produzione internazionale e occasione per assegnare fondi di produzione e altri premi ai progetti migliori.
Quest’anno sono stati conferiti anche il TFL Distribution Award (dedicato all’implementazione di strategie innovative per il raggiungimento del pubblico al momento della distribuzione) e il Digital Production Challenge II Award promosso da Focal Resource. Nell’ambito del programma FrameWork sono stati presentati 9 progetti in cerca di co-produzione.

Nato dal desiderio di affiancare al Torino Film Festival un laboratorio dedicato a talenti emergenti, il TorinoFilmLab è una vera e propria comunità creativa che sostiene giovani filmmaker di tutto il mondo – con un’attenzione particolare a opere prime e seconde – attraverso attività di formazione, sviluppo, e finanziamento alla produzione e alla distribuzione; creato nel 2008 grazie al sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Piemonte e della Città di Torino, il TFL è promosso dal Museo Nazionale del Cinema e dalla Film Commission Torino Piemonte. Molte delle sue attività sono sostenute dai programmi Media e Media Mundus dell’Unione Europea. Continua a leggere

32mo Torino Film Festival

L’immagine simbolo del 32mo Torino Film Festival, un autoscatto, risalente al 1975, del fotografo e cineasta Jerry Schatzberg

L’immagine simbolo del 32mo Torino Film Festival, un autoscatto, risalente al 1975, del fotografo e cineasta Jerry Schatzberg

E’ stata presentata ieri, martedì 11 novembre, con la consueta duplice conferenza stampa (di mattina alla Casa del Cinema di Roma, in serata al Cinema Massimo di Torino), la 32ma edizione del Torino Film Festival, che prenderà il via venerdì 21 novembre presso l’Auditorium Gianni Agnelli con la proiezione di Gemma Bovery, film diretto da Anne Fontaine, per concludersi sabato 29 alla Multisala Reposi, ospite d’onore Anna Mazzamauro (presenterà un omaggio ad Anna Magnani), quando sarà proiettata la pellicola di chiusura della kermesse torinese, Wild, di Jean-Marc Vallée. Al regista britannico Julien Temple sarà conferito il Gran Premio Torino, sabato 22 novembre, alle 19.45. Dopo la consegna del premio, verrà proiettato Sex Pistols – Oscenità e furore (The Filth and the Fury, 2000), uno dei tre film dedicati dal cineasta al gruppo punk-rock inglese, serie iniziata con La grande truffa del rock’n’roll (The Great Rock ‘n’ Roll Swindle, 1979) e conclusa con The Sex Pistols: There’ll Always Be an England, 2008. La direzione artistica del Festival, il quale può contare su 197 titoli in cartellone, quest’anno è affidata ad Emanuela Martini, che nelle scorse edizioni ha affiancato i direttori Nanni Moretti, Gianni Amelio e Paolo Virzì (ora Guest Director) e dei quali ha dichiarato di volerne mantenere, nell’ordine, “il rigore, la passione, lo spirito pop. E naturalmente l’intelligenza con la quale tutti e tre si sono avvicinati al Torino Film Festival, riconoscendone e apprezzandone l’identità e impegnandosi a preservarla, nel momento stesso in cui lo modellavano sui loro gusti e le loro idee di cinema”. Continua a leggere

32mo Torino Film Festival: chiusura con “Wild” di Jean-Marc Vallée

Reese Witherspoon

Reese Witherspoon

Sarà Wild di Jean-Marc Vallée il film di chiusura del 32mo Torino Film Festival (21-29 novembre), sabato 29 novembre, quando verrà proiettato in anteprima italiana. Prodotto e interpretato da Reese Witherspoon su sceneggiatura di Nick Hornby, Wild racconta la storia vera di Cheryl Strayed, una vita passata tra droghe e amori sbagliati, che un giorno decise di buttarsi tutto alle spalle e di avventurarsi lungo il Pacific Crest Trail, il sentiero che va dal confine con il Messico a quello con il Canada.

Più di 1.600 chilometri fatti di contatto con la natura, sconfinata solitudine, rari incontri: un flusso ininterrotto di ricordi si mescola alle difficoltà della wilderness, nel montaggio allucinatorio orchestrato dal regista Jean-Marc Vallée (Dallas Buyers Club) e sottolineato da brani dei R.E.M., Simon & Garfunkel, Bruce Springsteen, Leonard Cohen, Portished e Pat Metheny.
Insieme a Reese Witherspoon, Laura Dern, nella parte della mamma molto amata. Il film uscirà nelle sale italiane il 19 febbraio 2015, distribuito da 20th Century Fox.

32mo Torino Film Festival: apertura con “Gemma Bovery” di Anne Fontaine

untitled6456Sarà Gemma Bovery (Francia, 2014) di Anne Fontaine il film di apertura del 32mo Torino Film Festival (21-29 novembre).
Interpretata da Fabrice Luchini e da Gemma Arterton, la pellicola è ispirata all’omonima graphic novel del 1999 di Posy Simmonds, autrice di Tamara Drewe, da cui Stephen Frears ha tratto un film nel 2010: l’adattamento per il grande schermo è stato curato dal critico e sceneggiatore Pascal Bonitzer e dalla stessa regista, autrice di commedie insolite e spesso venate di sfumature noir o drammatiche come Dry Cleaning, La fille de Monaco, Il mio migliore incubo!, Two Mothers e il biografico Coco avant Chanel. Dalla sinossi si evince una commedia eccentrica e amara, volta a raccontare le disavventure sentimentali di una giovane donna, Gemma (Gemma Arterton), gli equivoci e gli inganni dell’amore ma, soprattutto, la potenza della creazione artistica, dell’immaginazione e la loro influenza sulla vita vera. Continua a leggere

Jerry Schatzberg firma il manifesto del 32mo Torino Film Festival

IMMAGINE_32TFF_verticaleL’immagine simbolo del 32mo Torino Film Festival (21-29 novembre) è un autoscatto, risalente al 1975, del grande fotografo e cineasta Jerry Schatzberg, che alla kermesse piemontese è stato presidente di giuria nel 2011. L’autore fissa la propria immagine in uno specchio frantumato, firmando allo stesso tempo una dichiarazione d’autore e un manifesto: rompere gli schemi, le regole, spezzare i limiti dell’immagine riprodotta, mettersi in gioco e in discussione personalmente, andare oltre, sempre. Continua a leggere