Manhattan (1979)

Con la distribuzione, a partire dallo scorso 11 maggio,  nelle sale aderenti all’iniziativa, della versione restaurata di Manhattan, girato da Woody Allen nel 1979, restituito ora al cinema nella “solennità” del formato panoramico, si conclude la quarta stagione del progetto Il Cinema Ritrovato al Cinema, promosso dalla Cineteca di Bologna e Circuito Cinema per riportare in sala i grandi classici restaurati. Nell’occasione ripubblico la mia recensione del film, scritta qualche anno addietro, rielaborata ed approfondita in molti particolari (il tempo non passa mai invano, come si suole dire).

***********************************

New York, fine anni Settanta.
Isaac Davis (Woody Allen), 42enne scrittore televisivo nevrotico ed insicuro, è a cena in un ristorante con l’amico professore Yale Pollack (Michael Murphy), la moglie di questi, Emily (Anne Byrne) e la 17enne Tracy (Mariel Hemingway).
Con quest’ultima Isaac ha una  relazione, vissuta fra mille titubanze causa la differenza di età (“sono più vecchio di suo padre”) e i trascorsi rappresentati da due fallimentari matrimoni alle spalle, l’ultimo con Jill (Meryl Streep), che l’ha lasciato per una donna. La conversazione durante il desco e nel corso della passeggiata che segue lungo le vie di Manhattan è attraversata dal classico chiacchiericcio tra intellettuali,  citazioni colte, considerazioni bislacche e qualche battuta; nel mentre Yale confida ad Isaac di essersi innamorato di Mary Wilkie (Diane Keaton), giornalista, che il nostro avrà occasione di conoscere nel corso dell’inaugurazione di una mostra, risultandogli spocchiosa e saccente, in particolare quando lancia velenosi strali a certi suoi numi tutelari, come il regista svedese Ingmar Bergman. Un’improvvisa crisi di coscienza porterà Isaac ad abbandonare il programma televisivo per dedicarsi alla scrittura di un libro che ha in mente da tempo ed intanto nel corso di un party rincontrerà Mary: i due dopo una notte passata insieme a chiacchierare passeggiando per le strade della Grande Mela inizieranno a frequentarsi, pare vi sia una certa intesa fra di loro e poi lei è convinta che Yale non divorzierà mai, mentre lui ormai è deciso a lasciare Tracy, prossima alla partenza per Londra, così da frequentare l’Accademia d’arte drammatica.

Woody Allen e Mariel Hemingway

La relazione andrà avanti per qualche mese, fin quando  Mary si renderà conto di non aver mai smesso di amare Yale, mentre Isaac, ormai solo, riflettendo sulle cose che possono dar senso alla vita (Groucho Marx, L’educazione sentimentale di Flaubert, Brando, Sinatra, “quelle mere e pere di Cézanne”…) include nel novero il viso di Tracy…
Atto d’amore per la città natale, New York, e al contempo acuta riflessione dolce-amara, giocata sul filo di una sottile ma spesso pungente ironia, relativamente alle trasformazioni in atto nella società da un punto di vista sociologico e morale, in particolare nell’ambito dei rapporti umani e sentimentali, Manhattan rappresenta nella filmografia di Allen un felice compendio tra i precedenti Interiors, 1978, dolentemente bergmaniano ed Io e Annie, 1977, l’opera di svolta, improntata ad una comicità più strutturata e riflessiva, scaturente in particolare dagli accurati dialoghi, rispetto alle farse degli esordi, spesso esili e sgangherate, per quanto spassose nella loro miscellanea fra slapstick e battute fulminanti, eredità dei trascorsi televisivi e cabarettistici d’inizio carriera. Pregio essenziale di Manhattan, oggi come ieri,  mantenendo quindi intatto il suo fascino nel tempo, è riuscire ad unire un’esemplare compostezza formale a un motteggio morale dai risvolti psicoanalitici e comportante riflessi esistenziali, caratterizzato da una disarmante e calviniana leggerezza.

Diane Keaton e Allen

La “Grande Mela” appare quindi fotografata in un sfavillante bianco e nero da Gordon Willis, connotata ulteriormente dalle musiche di George Gershwin, spesso coordinate all’essenzialità rigorosa delle riprese, con un ampio ricorso a sinuose carrellate all’indietro nel “pedinare” i personaggi seguendoli nel loro quotidiano, ed infine ben resa nelle sue proporzioni visuali ed emozionali dal formato widescreen. Riguardo invece il secondo aspetto, risalta un ottimo lavoro di scrittura (lo stesso Allen, insieme a Marshall Brickman) incentrato, con più di un manierismo autobiografico, su vezzi ed idiosincrasie degli esponenti del mondo intellettuale newyorkese, cui si accompagnano le pregevoli interpretazioni attoriali, fluidamente naturali, realistiche, con una particolare menzione per il personaggio delineato da Diane Keaton, la cui ostentata spocchia appare come uno scudo protettivo volto a proteggere fragilità ed insicurezze;  la dolcezza espressa da Mariel Hemingway nei panni di Tracy, lo spontaneo candore nell’affacciarsi sul mondo, si staglia quale radioso raggio verde ad illuminare l’altrui esibita sicumera nel fronteggiare i marosi della vita (“Sei  mesi non sono tanti… E non è che tutti si guastino. Bisogna avere un po’ di fiducia, sai, nella gente”, rivolta ad un titubante Isaac, il quale teme che il soggiorno a Londra della fanciulla possa minare il loro rapporto).

Meryl Streep e Allen

Ecco che l’ironia, espressa anche, se non soprattutto, nei confronti di se stessi, viene a palesarsi, per dirla con Romain Gary, come “una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita”, così da  ovviare a quel senso di inadeguatezza e di solitudine che ti prende quando vedi il mondo, il tuo mondo, cambiare repentinamente, costringendoti o ad assecondare i suoi mutamenti, accompagnandoli coi tuoi, o a restare sospeso in un’incertezza di fondo. Incertezza che si profila quale leitmotiv dominante sin dall’inizio della narrazione: le note di Rhapsody in blue sull’avanzare frammentario delle immagini di Manhattan vista in vari periodi dell’anno e in diversi momenti della giornata mentre udiamo la voce over di Isaac che corregge continuamente l’incipit del suo libro. Ecco visualizzata allora la dicotomia tra l’immutabilità tutta esteriore di una città “idolatrata smisuratamente”, “metafora della decadenza della cultura contemporanea”,  mentre l’estrema mutabilità dei componenti di una “società desensibilizzata da droga, rumore, televisione, crimine e immondizia” crea una convulsa alternanza tra vuoto spirituale, alienazione, ricerca di profondità nel contatto umano, la quale va poi a scontrarsi puntualmente con un’ altrettanto esibita precarietà nei rapporti coi propri simili.

Allen sembra volerci dire, andando dal particolare all’universale, che l’unica certezza volta ad una possibile salvezza (dal degrado, dalla perdita del senso di ogni bellezza, dalla mancanza di qualsivoglia condivisione espressa al di fuori del proprio ambiente di appartenenza) può essere rappresentata tanto nel lasciarsi coinvolgere dalla continuità della vita, recitando giornalmente la nostra parte sul palcoscenico offertoci (Shakespeare), quanto dall’assunta consapevolezza del proprio apporto, quest’ultimo da intendersi  sia nella sua generalità, sia nella sua specificità (professionale, culturale, artistica), espresse ambedue, sempre e comunque,  da ogni singolo individuo in quanto tale. Ognuno sta solo sul cuor della terra trafitto da un raggio di sole: ed è subito sera (Ed è subito sera, Salvatore Quasimodo, 1930)

Annunci

5 risposte a “Manhattan (1979)

  1. trovo assolutamente geniale il rapporto che questo film instaura con la musica di Gerwish…la scelta delle canzoni, i testi e la musica è ben ricercata e adatta a ogni situazione. In particolare, è meraviglioso l’inizio: le inquadrature in bianco e nero di New York, i fuochi d’artificio, la spazzatatura e in sottofondo un’ouverture fantastica.

    Liked by 1 persona

    • Condivido in pieno, una sintonia tra suono ed immagine praticamente perfetta e l’inizio ne è la prova più evidente: eccezionale il mix tra musica, visione di Manhattan in ogni suo aspetto, e la voce over di Isaac a trovare l’inizio del suo libro, ovvero la frase più adatta a descrivere la città “idolatrata”. Ricordo infatti che, non certo a caso, un critico cinematografico definì Allen “un Gershwin della macchina da presa”.

      Liked by 1 persona

  2. A riguardo c’è un bellissimo saggio di Elena Dagrada, che si trova facilmente. Analizza tutto il film e anche quest’aspetto, oltre che la pessima traduzione di alcune battute di Woody Allen in italiano.

    Liked by 1 persona

  3. Ottima recensione del film di Woody che preferisco in assoluto: per la sua magia, per il suo bianco e nero urbano, per il suo significato. Ottima l’iniziativa della cineteca di Bologna e ti anticipo che proporremo anche noi tra qualche giorno una recensione di questo film scritta da un nostro autore che è andato al cinema a (ri)vedersi questa versione restaurata…

    Mi piace

    • Ciao Vincenzo, grazie. Anche per quanto mi riguarda “Manhattan” occupa un posto privilegiato fra i miei film preferiti di Allen (anche se è stato soprattutto il personaggio del critico cinematografico Allan Felix di “Play it Again Sam” ad offrirmi non pochi elementi di immedesimazione). L’iniziativa della Cineteca di Bologna è certo lodevole, peccato che non sempre vi siano, almeno qui in Calabria e relativamente alla provincia dove risiedo, molte sale ad aderire all’iniziativa. L’ho rivisto volentieri grazie ad un dvd della mia personale cineteca (ma il formato panoramico al cinema è tutt’altra cosa), in occasione di questo restauro, spesso anticipando le battute e trovando nuovi spunti di riflessione. Attendo di leggere la vostra recensione allora, grazie di nuovo, un saluto.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...