Archivi del giorno: 4 maggio 2017

Baby Boss

Tim è un ragazzino di 7 anni dalla fervida immaginazione, dote che gli consente mirabolanti incursioni a cavallo della fantasia in mondi lontani, dalla giungla misteriosa in lotta con un gorilla passando per lo spazio infinito verso qualche galassia lontana e finendo nella profondità dell’oceano, a fronteggiarne gli inquietanti abitanti. Avventure avvincenti, all’interno delle quali trovano spazio anche i suoi genitori, spesso salvati da imminenti pericoli grazie all’intervento provvidenziale del pargoletto. Circondato amorevolmente da tante attenzioni, un giorno Tim viene informato da mamma e papà dell’imminente arrivo di un fratellino, notizia per lui ferale, quel microcosmo costruito negli anni intorno la sua figura rischia di sgretolarsi per sempre…
Il bebè pretenderà e certo otterrà devota sudditanza…
Eccolo lì, insieme ad altri neonati sul nastro trasportatore della Baby Corp, società dove i bambini hanno la loro genesi e l’imprimatur relativo alla destinazione finale; lustro e profumato di talco è pronto per giungere a casa, in taxi, vestito di tutto punto: giacca e cravatta, vistoso orologio al polso, ventiquattrore, sguardo proprio di chi ha ricevuto in dote una spiccata attitudine al comando… Almeno questo è ciò che intravede Tim oltre quegli occhi acquosi ed indagatori … Continua a leggere

Foggia, proiezione di “Animeland” al “Festival del Nerd”

Sarà presentato sabato 6 maggio, nell’ambito del Festival del Nerd di Foggia, alle ore 10:00, alla multisala Città del Cinema, il documentario autoprodotto Animeland – Racconti tra manga, anime e cosplay, opera prima diretta dal regista tarantino Francesco Chiatante, presente alle proiezioni per rispondere alle domande del pubblico. Tra le prossime tappe: le due proiezioni del 20 e 21 maggio al Montevideo Comics, in Uruguay, rese possibili grazie all’aiuto dell’Istituto Italiano di Cultura di Montevideo ed altrettante, negli stessi giorni, al festival San Beach Comix di San Benedetto del Tronto.

Reggio Calabria ricorda Leopoldo Trieste

(StrettoWeb)

Ieri, mercoledì 3 maggio, a Reggio Calabria, città natale di Leopoldo Trieste, si è svolta la cerimonia d’inaugurazione di una piazza, nel Rione Ferrovieri, intitolata al celebre attore, nonché drammaturgo, sceneggiatore e regista, nella ricorrenza dei cento anni dalla sua nascita. La manifestazione, cui sono seguite le proiezioni di un filmato su Leopoldo Trieste realizzato dagli studenti del Liceo Classico Tommaso Campanella e de Lo sceicco bianco (Federico Fellini, 1952) ha visto come organizzatori il Club di Territorio del Touring Club Italiano, la delegazione del Fondo Ambiente Italiano e dalla sezione di Italia Nostra di Reggio Calabria, in collaborazione con il Liceo Classico Tommaso Campanella, i Circoli del cinema Zavattini e Chaplin di Reggio Calabria, insieme all’Amministrazione Comunale della città; ho avuto il piacere di ricordare Leopoldo Trieste ed approfondire la rilevanza della sua figura di intellettuale ed artista completo, dalle mille sfaccettature, nell’ambito di un mio intervento all’interno della V Edizione di Epizephiry International Film Festival, kermesse cinematografica diretta da Renato Mollica, che ha intitolato il Premio Miglior Attore proprio a Trieste ed intervistando il Prof. Gaetano Pizzonia, una volta letto il suo bel libro Il mito di Leopoldo Trieste (2013, Laruffa Editore).