“Tra Molière e il Grand Guignol”

Pier Paolo Pasolini

Pier Paolo Pasolini

L’Italia – e non solo l’Italia del Palazzo e del potere – è un Paese ridicolo e sinistro: i suoi potenti sono delle maschere comiche, vagamente imbrattate di sangue: “contaminazioni” tra Molière e il Grand Guignol.
Ma i cittadini italiani non sono da meno. Li ho visti, li ho visti in folla a Ferragosto. Erano l’immagine della frenesia più insolente.
Ponevano un tale impegno nel divertirsi a tutti i costi, che parevano in uno stato di “raptus”: era difficile non considerarli spregevoli o comunque colpevolmente incoscienti.
(Pier Paolo Pasolini, Lettere luterane).

4 risposte a ““Tra Molière e il Grand Guignol”

  1. Schietto, diretto ed onesto. L’unico vero genio dei nostri tempi.

    • Concordo. Un intellettuale lucido e coerente che ha lasciato il suo personalissimo tocco in ogni ambito, artistico e non, in cui sia intervenuto. Grazie, un saluto.

  2. Aggiungerei che si tratta di uno dei pochi veri moralisti della nostra cultura! Se ne incontrano pochi!

    • “Io penso che scandalizzare sia un diritto, essere scandalizzati un piacere e chi rifiuta il piacere di essere scandalizzato è un moralista, il cosiddetto moralista.”
      (dall’intervista di Philippe Bouvard, Antenne 2 – 31 ottobre 1975, in occasione della presentazione in Francia dell’ultimo film di Pasolini “Salò o le 120 giornate di Sodoma”).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...