“Il cinema italiano visto da Milano”- XIV edizione

fghjjkllòDal 5 al 12 marzo avrà luogo a Milano, presso Spazio Oberdan e MIC – Museo Interattivo del Cinema, e a Paderno Dugnano (MI) presso Area Metropolis 2.0, la 14esima edizione del Festival Il cinema italiano visto da Milano. La kermesse ha mantenuto ben salda negli anni una fondamentale prerogativa, che è poi divenuta una costante ed un tratto distintivo al contempo: tanto cinema italiano – lungometraggi e documentari, in anteprima e in seconda visione, omaggi ed eventi speciali – e gli interventi di vari autori e interpreti volti a raccontarlo così da renderlo vivo e vicino agli spettatori. In particolare l’attenzione è rivolta a quelle prove d’autore belle, originali e potenti, ingiustamente snobbate da pubblico e distribuzione, offrendo l’occasione per scoprirle e vivere, insieme, la passione e l’amore per il cinema del nostro Paese. Il Concorso Rivelazioni prevede 5 lungometraggi, tutte opere prime in anteprima per Milano, giudicati da una giuria del pubblico costituita da spettatori e studenti che ne fanno parte in seguito ad iscrizione: Il bambino di vetro di Federico Cruciani, presentato alla Festa del Cinema di Roma 2015, ambientato a Palermo e con un cast artistico interamente siciliano, una storia di maturazione della consapevolezza criminale dove il rapporto fra un padre e il figlio di dieci anni è messo in crisi dalle verità che l’uomo nasconde alla sua famiglia.

arton10965Bangland di Lorenzo Berghella, che ha disegnato fotogramma per fotogramma questo incredibile film d’animazione presentato alle Giornate degli Autori, Venice Days, 2015 ed ambientato in un’America distopica.
Una storia corale che affronta tematiche attuali come politica, guerra, terrorismo, religione e mass-media attraverso un mix originale di satira, noir, commedia nera e thriller d’azione.
All’improvviso Komir di Rocco Ricciardulli, un road movie che si tinge di noir, è la storia di due microcriminali che ci conduce da Milano all’Albania in un percorso di crescita e redenzione umana. Asino vola di Marcello Fonte e Paolo Tripodi con Luigi Lo Cascio, Maria Grazia Cucinotta, Lino Banfi.
Una storia che si incentra sul sogno di un bambino che vuole diventare musicista. Presentato fuori Concorso al Festival di Locarno 2015.
Le fantasticherie di un passeggiatore solitario di Paolo Gaudio, un fantasy con venature horror che utilizza animazione, live action e anche stop motion.
Un viaggio misterioso e senza tempo attraverso le aspirazioni, le sofferenze e le fantasticherie di un poeta, di un giovane studente e di un bambino sperduto nel bosco. Il film ha vinto numerosi premi internazionali tra cui il Grand Prix al festival La Semain du cinéma fantastique di Nizza 2014 e il Best World Film al Boston Science Fiction Film Festival 2015.

poster-solo-weekendLa sezione Amori a prima vista prevede delle anteprime per Milano che saranno presentate in sala dai protagonisti: Solo per il weekend di Gianfranco Gaioni aka Director Kobayashi, con Matilde Gioli, Francesca Inaudi e Stefano Fresi. Commedia rocambolesca ambientata in una Milano che sembra Las Vegas tra esilaranti avventure di bische in piscina e misteriose valigette: il tutto in un solo, delirante weekend. Prima che la vita cambi noi di Felice Pesoli, un documentario che racconta le memorie dei movimenti giovanili beat, hippie e freak a Milano negli anni Sessanta e Settanta con interviste inedite a Claudio Rocchi e Giorgio Cerquetti. I racconti dell’orso di Samuele Sestieri e Olmo Amato, un film che diviene un’esperienza magica tra sogno e realtà, una fiaba che si svolge ai confini del mondo. Ricordati di me è la sezione del Festival dedicata agli omaggi, che quest’anno saranno rivolti ad Ettore Scola e Laura Morante: protagonista, prima come sceneggiatore e poi da regista, di alcune delle più belle pagine del cinema italiano, di Scola verranno proiettati Ridendo e scherzando, il ritratto biografico, artistico e umano del grande cineasta firmato dalle figlie Paola e Silvia Scola (presente in sala); C’eravamo tanto amati e due film in edizione restaurata dal CSC-Cineteca Nazionale: La terrazza e Una giornata particolare.

Assolo-Laura-Morante-Poster-717x1024Della Morante invece in programma, oltre ad Assolo, l’altro suo brillante film da regista, Ciliegine, e Nessuno mi pettina bene come il vento di Peter Del Monte sulla conflittualità generazionale e la crisi della famiglia, e la divertente commedia degli equivoci Le avventure galanti del giovane Molière di Laurent Tirard. La sezione Riprendimi comprende invece i migliori film della stagione presentati in sala dagli autori: Io e lei di Mariasole Tognazzi con Margherita Buy e Sabrina Ferilli (invitata in sala per un dibattito-incontro con il pubblico), che racconta la quotidianità di una coppia omosessuale senza cedere agli stereotipi. Dobbiamo parlare, l’ultima divertente commedia di Sergio Rubini interpretata da Fabrizio Bentivoglio e Isabella Ragonese (presente in sala). Lea, il film per la tv diretto da Marco Tullio Giordana, che racconta la storia di Lea Garofalo, la donna che si è ribellata alla ‘ndrangheta fino a pagare con la propria vita, uccisa dall’ex compagno (e padre di sua figlia), e oggi uno dei simboli più efficaci della lotta alla criminalità organizzata in Calabria.
Vanessa Scalera, l’attrice che interpreta Lea, sarà presente in sala.
Un posto sicuro di Francesco Ghiaccio, un film di denuncia dedicato alla comunità di Casale Monferrato devastata dalla produzione di amianto. Una storia che parla di rinascita, di vite che si rimettono in moto sullo sfondo di una città che cerca giustizia. Il protagonista Marco D’Amore e il regista saranno presenti in sala.

52967La felicità è un sistema complesso di Gianni Zanasi (presente in sala), che firma una commedia surreale e imprevedibile con protagonisti gli eccellenti attori Valerio Mastandrea e Giuseppe Battiston.
Assolo – diretto e interpretato da Laura Morante (presente in sala), una brillante commedia su una donna meravigliosamente imperfetta. Né Giulietta né Romeo, il debutto alla regia per Veronica Pivetti (presente in sala), che firma un delicato film alla scoperta dei pregiudizi familiari. Astrosamantha di Gianluca Cerasola, un ritratto inedito di Samantha Cristoforetti, la donna dei record nello spazio, con la voce narrante di Giancarlo Giannini. In guerra di Davide Sibaldi (presente in sala), il secondo lungometraggio del giovane regista milanese interamente ambientato a Milano di notte, proiettato in Human 4D, un tipo di proiezione a due livelli (2D e reale con la presenza di artisti dal vivo), che darà un effetto unico allo spettatore immergendolo completamente nel film. Ritorni di fiamma: ogni anno il festival ha in calendario un lavoro di restauro realizzato nella stagione in corso. In questa edizione sarà presentato in anteprima nazionale il dvd edito da Fondazione Cineteca Italiana Il filmaker che cadde sulla terra dedicato a Gianfranco Brebbia, il regista varesino autore di sorprendenti opere di video-arte negli Anni Settanta.

Gianfranco Brebbia

Gianfranco Brebbia

Il suo cinema originale e inedito, lo annovera tra i massimi esponenti del cinema sperimentale italiano dell’epoca. In programma un evento live con Antonio Zambrini al pianoforte, che ha composto le musiche per la performance prendendo spunto dall’impronta fortemente astratta e grafico-figurativa dei cortometraggi di Brebbia, insieme alla sua passione per lo spazio e per i pianeti, molto presente in vari aspetti della sua produzione, e traendo ispirazione anche da alcuni brani altrettanto “spaziali” di David Bowie. Verrà inoltre presentato un altro lavoro di restauro della Cineteca nato dalla collaborazione con Aem – Gruppo A2A, dal titolo La forza dell’acqua: energia, ricostruzione e sviluppo, un dvd che raccoglie alcuni filmati inediti coevi dell’epoca della ricostruzione dopo la Seconda Guerra Mondiale, attraverso il racconto epico della progettazione e dell’avviamento dei nuovi impianti idroelettrici Aem in Alta Valtellina che hanno agevolato la ripresa sociale ed economica di Milano e il successivo boom economico.

Isabella Ragonese (filmtv.it)

Isabella Ragonese (filmtv.it)

Chi mi ama mi segua (ex cathedra: gli autori tornano a scuola): proseguendo l’esperienza delle passate edizioni, che ha dato risultati davvero eccellenti, e sempre allo scopo di promuovere la cultura cinematografica presso le giovani generazioni, che rappresentano comunque il futuro del cinema, saranno organizzati presso alcuni licei milanesi (Volta, Carducci, Parini, Manzoni, Casiraghi, Galvani) 6 incontri tenuti da protagonisti della nostra cinematografia ospiti di questa edizione del Festival: Laura Morante, Gianni Zanasi, Marco D’Amore, Isabella Ragonese, Silvia Scola, Fiorella Infascelli.
Non si tratterà di lezioni tradizionali, ma di occasioni di riflessione e analisi volte ad alfabetizzare gli studenti su un linguaggio che ha una storia lunga e importante ma a loro pressoché sconosciuta. La manifestazione è organizzata da Fondazione Cineteca Italiana ed è sostenuta da Direzione Generale Cinema – Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, Regione Lombardia, Città Metropolitana, Comune di Milano e Paderno Dugnano.

Informazioni e programma dettagliato sul sito del festival

Ascolta il podcast su Giovanni Certomà.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...