33mo Torino Film Festival: i premi collaterali

torino1Sono stati assegnati oggi, sabato 28 novembre, i premi collaterali del 33mo Torino Film Festival. Di seguito riporto i nominativi dei vincitori e le motivazioni delle giurie. La cerimonia di chiusura avrà luogo questa sera, presso il cinema Reposi 3 alle ore 20, quando vi sarà la premiazione dei film in concorso con l’ospite d’onore Chiara Francini, madrina della kermesse torinese. Seguirà alle 21.30, sempre al Reposi 3, la proiezione del film di chiusura, Hello, My Name is Doris, con il regista Michael Showalter.

Premio Scuola Holden – Storytelling & Performing Arts
La Giuria composta dagli allievi e dalle allieve del secondo anno del College di Cinema assegna il premio Miglior sceneggiatura a Sopladora de hojas (Alejandro Iglesias Mendizábal, Messico, 2015) con la seguente motivazione: “Chiavi sotto foglie secche. Adolescenti che perdono l’infanzia. Desideri malinconici. Belle gambe. Un film irriverente, sincero, delicatamente ironico, profondamente semplice. Poi, qué será será”.

Premio Achille Valdata
La_Patota_(2015_film)La Giuria composta da 10 lettori di Torino Sette assegna il premio Miglior film a La patota (Santiago Mitre, Argentina/Brasile/Francia, 2015) con la seguente motivazione: “Per la tecnica narrativa, l’argomento forte e provocatorio trattato e la psicologia dei personaggi”.

Premio AVANTI
dustur905-675x905La Giuria del Premio AVANTI (Agenzia Valorizzazione Autori Nuovi Tutti Italiani) composta da Danilo Monte (regista), Alessandro Uccelli (Cineforum), Andrea Zanoli (Lab 80 Film) propone, per la distribuzione nel circuito culturale curata da Lab 80 film, il film Dustur (Marco Santarelli, Italia, 2015) con la seguente motivazione: “Per la capacità di raccontare il fondamento umanistico delle costituzioni moderne e le contraddizioni del processo democratico, con una forma cinematografica solida e coerente, che riesce a superare limiti fisici e culturali, come il carcere, le sovrastrutture linguistiche e quelle religiose”. Menzione speciale a Vincenzo da Crosia (Fabio Mollo, Italia, 2015) con la seguente motivazione: “Per aver portato alla luce una storia accantonata del nostro passato recente, dagli inattesi risvolti umani, politici e poetici. Trattando con delicatezza un’imponente mole di materiale di repertorio, il film trascina lo spettatore in uno stato di sospensione, a suo modo magica, circa la veridicità dei fatti testimoniati”.

Premio Gli occhiali di Gandhi
42345Assegnato dal Centro Studi Sereno Regis (Torino), la cui Giuria, composta da Eliana Cantone, Teodoro Cavalluzzo, Angela Dogliotti, Pierandrea Moiso, Carlo Griseri, ha scelto il film Dustur (Marco Santarelli, Italia, 2015) con la seguente motivazione, citando dal film: “Per creare una società buona gli individui devono essere in relazione, consultarsi tra loro e agire in base ai propri accordi. Non si faccia discriminazione in base a posizione sociale, ricchezza, fama, religione. Affinché la società si sviluppi culturalmente, moralmente e sia coesa, è necessario che si proceda in accordo con l’opinione della maggioranza, e che si avvicini alla classe dei più deboli e poveri, dialoghi con loro e prenda in considerazione le loro richieste”. Menzione speciale a La patota (Santiago Mitre, Argentina/Brasile/Francia, 2015) con la seguente motivazione: “Per la rinuncia a una risposta violenta davanti ad una aggressione; benché risarcimento e vendetta vengano offerti da più parti, la protagonista li rifiuta in favore di un percorso personale di comprensione e di ricerca della verità, anche a costo di non essere sostenuta e compresa”. Menzione speciale a Idealisten (Christina Rosendahl, Danimarca, 2015) con la seguente motivazione: “Per l’esempio di giornalismo di pace applicato alla denuncia del rischio nucleare, spesso rimosso. Pur non compiendo atti clamorosi, il protagonista diventa un eroe nella sua normale e ostinata ricerca della verità”.

Premio Interfedi
gdfgLa Giuria Interfedi, promossa dalla Chiesa Valdese e dalla Comunità Ebraica di Torino, con il patrocinio del Comitato Interfedi della Città di Torino, e composta da Ada Treves (in rappresentanza della Comunità Ebraica), Marco Fraschia (Chiesa Valdese), Beppe Valperga (Comitato Interfedi)

 attribuisce la terza edizione del Premio Interfedi – Premio per il rispetto delle minoranze e per la laicità a Coup de chaud (Raphaël Jacoulot, Francia, 2015) con la seguente motivazione: “Con occhio lucido e distaccato racconta le difficoltà di integrazione e la fragilità dei rapporti interpersonali all’interno di una piccola comunità rurale. La storia di un’estate anormale in cui la natura stessa è protagonista e fa emergere tensioni e conflitti in una vicenda dove menzogna, ipocrisia e pregiudizi convergono nella diffidenza verso un diverso, che non può essere altro che vittima o assassino”. Menzione speciale a Flotel Europa (Vladimir Tomic,Danimarca/Serbia, 2015) con la seguente motivazione: “Film importante e meritevole per la sua forza e per come costringe a soffermarsi su cosa sia in realtà, in un contesto ed epoca particolari, la vita di migranti e profughi una volta raggiunto un paese sicuro. L’impossibilità di integrarsi, vivendo su una nave ormeggiata, e la realtà di una vita trascorsa ad attendere qualcosa che potrebbe non arrivare mai sono i temi di un documentario disperato che è anche sguardo sul passato e quasi percorso di iniziazione”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...