Venezia 72, quattro italiani in Concorso

72MIAC_2015-724x1024E’ stato svelato questa mattina, mercoledì 29 luglio, il cartellone della 72ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (2-12 settembre), che prevede in Concorso ventuno titoli.
I nostri colori saranno rappresentati da Marco Bellocchio (Sangue del mio sangue), Luca Guadagnino (A Bigger Splash), Giuseppe Gaudino (Per amor vostro) e Piero Messina (L’attesa); dall’America giungono sorprese come Heart of a Dog, esordio alla regia della musicista e scrittrice Laurie Anderson, o Anomalisa, il primo film d’animazione in stop-motion scritto da Charlie Kaufman e diretto da Duke Johnson, per poi proseguire con Beasts of No Nation di Cary Fukunaga ed Equals, per la regia di Drake Doremus.

rwer

Marco Bellocchio

Spazio anche a maestri quali Atmo Egoyan con Remember, il russo Alexandre Sokurov (Leone d’Oro a Venezia quattro anni orsono con Faust) con Francofonia, Amos Gitai e il suo Rabin – The Last Day. Riguardo i cugini d’oltralpe, ecco Marguerite (Xavier Giannoli) e L’Hermine (Christian Vincent), mentre l’Inghilterra è presente con The Danish Girl (Tom Hooper). Altri titoli interessanti, che vanno a completare la selezione dei film in Concorso, il cinese Behemot (Zhao Liang), il turco Frenzy (Emin Alper), l’australiano Looking for Grace (Sue Brooks), il sudafricano The Endless River (Oliver Hermanus), il messicano Desde Allà (Lorenzo Vigas) ed infine l’argentino El Clan (Pablo Trapero).

Merzak Allouache

Merzak Allouache

Di rilievo, poi, il programma della Sezione collaterale più importante della Mostra, Orizzonti, considerando la sua circoscrizione ad opere rappresentative di nuove tendenze estetiche ed espressive: due gli italiani in gara, l’esordiente Alberto Caviglia, con Pecore in erba e Renato Di Maria, con Italian Gangster, mentre, “saltando” fra i vari titoli, risaltano Madame Courage di Merzak Allouache e Un monstruo de mil cabezas di Rodrigo Plá, così come, Fuori Concorso, i nomi di Martin Scorsese (The Audition), Scott Cooper (Black Mass) o Franco Maresco, con Gli uomini di questa città io non li conosco, documentario, genere quest’ultimo che sembra andare per la maggiore all’interno di tale sezione, dedicata agli autori d’importanza riconosciuta. Di seguito, il programma completo della 72ma Mostra.

******************

Luca Guadagnino

Luca Guadagnino

Venezia 72 -Concorso internazionale di lungometraggi in prima mondiale.

Emin Alper – Abluka (Frenzy, Turchia, Francia, Qatar); Laurie Anderson – Heart Of A Dog (Usa); Marco Bellocchio – Sangue del mio sangue ( Italia, Francia, Svizzera); Sue Brooks – Looking For Grace (Australia); Drake Doremus – Equals (Usa); Atom Egoyan – Remember (Canada, Germania); Cary Fukunaga – Beasts Of No Nation (Usa); Giuseppe M. Gaudino – Per amor vostro (Italia, Francia); Xavier Giannoli – Marguerite (Francia, Repubblica Ceca, Belgio); Amos Gitai – Rabin, The Last Day (Israele, Francia); Luca Guadagnino – A Bigger Splash (Italia, Francia); Oliver Hermanus – The Endless River (Sud Africa, Francia); Tom Hooper – The Danish Girl (Regno Unito, Usa); Charlie Kaufman, Duke Johnson – Anomalisa (Usa); Zhao Liang – Behemoth (Cina, Francia); Piero Messina – L’attesa (Italia, Francia); Jerzy Skolimowski – 11 Minut (11 Minutes, Polonia, Irlanda); Aleksandr Sokurov – Francofonia (Francia, Germania, Paesi Bassi); Pablo Trapero – El Clan (Argentina, Spagna); Lorenzo Vigas – Desde Allá (Venezuela, Messico); Christian Vincent – L’hermine (Francia).

Fuori Concorso- Opere firmate da autori di importanza riconosciuta

bfghgfhEvgeny Afineevsky – Winter On Fire (Ucraina, 85′, documentario); Daniel Alfredson – Go With Me (Usa, Canada, Svezia); Yann Arthus-Bertrand – Human (Francia, documentario); Noah Baumbach, Jake Paltrow – De Palma (Usa, documentario) ; Amy Berg – Janis (Usa, 115′, documentario); Claudio Caligari – Non essere cattivo (Italia); Scott Cooper – Black Mass (Usa); Hu Guan – Lao Pao Er (Mr. Six, Cina); Baltasar Kormákur – Everest (Film d’apertura, Regno Unito, Usa); Sergei Loznitsa – Sobytie (The Event, Paesi Bassi, Belgio, documentario); Franco Maresco – Gli uomini di questa città io non li conosco (Italia, documentario); Thomas Mccarthy – Spotlight (Usa); Tsai Ming-Liang – Na Ri Xiawu (Afternoon, Taipei Cinese); Gianfranco Pannone – L’esercito più piccolo del mondo (Città Del Vaticano, Italia, Svizzera, documentario); Arturo Ripstein – La Calle de la Amargura (Messico, Spagna); Martin Scorsese – The Audition (Usa); Bertrand Tavernier – La vie et rien d’autre (Francia); Frederick Wiseman – In Jackson Heights (Usa, documentario).

Orizzonti- Concorso Internazionale dedicato a film rappresentativi di nuove tendenze estetiche ed espressive.

Renato De Maria

Renato De Maria

Hiwot Admasu Getaneh – New Eyes (Cortometraggi-Francia, Germania); Merzak Allouache – Madame Courage (Algeria, Francia, Emirati Arabi Uniti); Giovanni Aloi – E.T.E.R.N.I.T. (Cortometraggi- Francia); Joko Anwar – A Copy Of My Mind (Indonesia, Corea Del Sud); Mariana Arriaga – En Defensa Propia (Cortometraggi- Messico); Karim Boukercha – Violence En Réunion (Cortometraggi; Francia); Alberto Caviglia – Pecore in erba (Italia); Samuel Collardey – Tempête (Francia); Brady Corbet – The Childhood Of A Leader (Gran Bretagna, Ungheria, Belgio, Francia); Renato De Maria – Italian Gangster (Italia); Kevin Jerome Everson – It Seems To Hang On (Cortometraggi- Usa); Vahid Jalilvand – Chaharshanbeh, 19 Ordibehesht (Wednesday, May 9, Iran); Shen Jie – Hou (Monkey– Cortometraggi, Cina, Animazione); Yaelle Kayam – Mountain (Israele); Tobias Lindholm – Krigen (A War, Danimarca); Vetri Maaran – Visaaranai (Interrogation, India); Jake Mahaffy – Free In Deed (Usa, Nuova Zelanda).

bjkGabriel Mascaro – Boi Neon (Brasile, Uruguay, Paesi Bassi); Dito Montiel – Man Down (Usa); Hadar Morag – Lama Azavtani (Why Hast Thou Forsaken Me?, Israele, Francia); Aly Muritiba, Marja Calafange – Tarântula (Cortometraggi, Brasile); Sebastián Muro – 55 pastillas (Cortometraggi, Argentina); Elnura Osmonalieva – Seide (Cortometraggi, Kirghizistan); Cristina Picchi – Champ des possibles (Cortometraggi, Canada, documentario); Rodrigo Plá – Un monstruo de mil cabezas (Messico); Anita Rocha Da Silveira – Mate-me por favor (Brasile, Argentina); Nicolas Saada – Taj Mahal (Francia, Belgio); Ivan Salatic – Dvorišta (Backyards– Cortometraggi, Montenegro); Wichanon Somumjarn – Jer gun muer rao jer Gun (The Young Man Who Came From The Chee River– Cortometraggi, Thailandia); Dubravka Turic – Belladonna (Cortometraggi, Croazia); David Victori – Zero (Cortometraggi – Fuori Concorso, Usa, Regno Unito, Spagna, Messico); Julian Wayser – Oh Gallow Lay (Cortometraggi, Usa, ); Yorgos Zois – Interruption (Grecia, Francia, Croazia).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...