Archivi del mese: luglio 2015

Viaggio in Italia (1953)

1Fra i film girati da Roberto Rossellini con Ingrid Bergman protagonista (Stromboli- Terra di Dio, 1950; Europa ’51, 1952; l’episodio Ingrid Bergman, 1953, da Siamo donne; Giovanna d’Arco al rogo, 1954; La paura, 1955), Viaggio in Italia rappresenta, almeno a parere di chi scrive, l’opera più riuscita, dalla portata compiutamente innovatrice; quest’ultima non venne compresa dalla critica del tempo, in Italia in particolare si rimproverava l’autore di aver tradito lo spirito del Neorealismo, lasciandosi andare ad un velleitarismo figurativo, ma venne comunque sottolineata e presa ad esempio dai giovani critici francesi della rivista Cahiers du cinéma, fondata nell’aprile 1951 da André Bazin e Jacques Doniol-Valcroze, tra i cui collaboratori figuravano Éric Rohmer, Jacques Rivette, Jean-Luc Godard, Claude Chabrol e François Truffaut. Infatti, la struttura portante della pellicola, la sua costruzione complessiva, così affidata alla casualità, all’accadimento materializzatosi dinnanzi la macchina da presa ed offerto all’elaborazione degli spettatori, si ritroverà in molte realizzazioni della Nouvelle Vague, multiforme movimento innovatore all’interno della cinematografia francese, che si sarebbe sviluppato in particolare sul finire degli anni’50. Continua a leggere

Annunci

Milano, Spazio Oberdan: “La grande commedia italiana per Expo 2015”

Una%20vita%20difficileHa preso il via ieri, giovedì 30 luglio, a Milano, presso Spazio Oberdan, con la proiezione di Una vita difficile (Dino Risi, 1961), La grande commedia italiana per Expo 2015, rassegna curata da Fondazione Cineteca Italiana, rivolta anche ai visitatori stranieri previsti nel capoluogo lombardo in occasione dell’esposizione mondiale: dieci classici, presentati in versione italiana con sottotitoli in inglese, firmati da grandi registi che hanno saputo raccontare con lucidità e ironia vizi, virtù, contraddizioni e complessità del nostro paese. Un mese di proiezioni per rammentare “come eravamo”, un viaggio all’interno delle mutazioni dei nostri costumi, alla (ri)scoperta di un cinema nostrano particolarmente intuitivo nell’individuare ed adattarsi a determinati mutamenti sociali. La rassegna avrà termine domenica 30 agosto.

***********************

iolaconoscevobene-locaDomenica 2 agosto (ore 17): Divorzio all’italiana (Regia: Pietro Germi. Sceneggiatura: Alfredo Giannetti, Ennio De Concini, P. Germi. Interpreti: Marcello Mastroianni, Daniela Rocca, Stefania Sandrelli, Leopoldo Trieste, Odoardo Spadaro, Lando Buzzanca. Italia, 1961, b/n, 101’, versione italiana sottotitolata in inglese). Giovedì 6 agosto (ore 21.15):
Io la conoscevo bene (Regia: Antonio Pietrangeli. Scneggiatura: A. Pietrangeli, Ettore Scola, R. Maccari. Interpreti: Ugo Tognazzi, Stefania Sandrelli, Nino Manfredi, Enrico Maria Salerno. Italia/Fr./RFT, 1965, b/n, 109’, versione italiana sottotitolata in inglese). Domenica 9 agosto (ore 17): Il federale (Regia: Luciano Salce. Sceneggiatura: L. Salce, Castellano e Pipolo. Interpreti: Ugo Tognazzi, Gianni Agus, G. Tedeschi. Italia, 1961, b/n, 100’, versione italiana sottotitolata in inglese). Continua a leggere

Riace in Festival 2015: i vincitori

riace-in-festival-iii-edizione-L-5pYiBwSi è conclusa lo scorso mercoledì, 29 luglio, l’edizione 2015 di Riace in Festival, manifestazione culturale- cinematografica che vede la direzione artistica di Vincenzo Caricari (Asimmetrici Film) e Chiara Sasso (Rete dei Comuni solidali). Il concorso cinematografico, suddiviso in due sezioni, Migranti e culture locali e Condizione femminile, ha inteso offrire spazio a produzioni indipendenti inerenti le tematiche delle migrazioni, della multiculturalità, del rapporto tra paesi ricchi e paesi poveri con una particolare attenzione a opere ambientate o riguardanti il bacino del Mediterraneo, luogo privilegiato di intreccio e confronto tra culture, lingue, religioni, estendendosi in questa edizione al tema legato alle pari opportunità e alla lotta contro ogni discriminazione sociale. Continua a leggere

Venezia 72, quattro italiani in Concorso

72MIAC_2015-724x1024E’ stato svelato questa mattina, mercoledì 29 luglio, il cartellone della 72ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (2-12 settembre), che prevede in Concorso ventuno titoli.
I nostri colori saranno rappresentati da Marco Bellocchio (Sangue del mio sangue), Luca Guadagnino (A Bigger Splash), Giuseppe Gaudino (Per amor vostro) e Piero Messina (L’attesa); dall’America giungono sorprese come Heart of a Dog, esordio alla regia della musicista e scrittrice Laurie Anderson, o Anomalisa, il primo film d’animazione in stop-motion scritto da Charlie Kaufman e diretto da Duke Johnson, per poi proseguire con Beasts of No Nation di Cary Fukunaga ed Equals, per la regia di Drake Doremus.

rwer

Marco Bellocchio

Spazio anche a maestri quali Atmo Egoyan con Remember, il russo Alexandre Sokurov (Leone d’Oro a Venezia quattro anni orsono con Faust) con Francofonia, Amos Gitai e il suo Rabin – The Last Day. Riguardo i cugini d’oltralpe, ecco Marguerite (Xavier Giannoli) e L’Hermine (Christian Vincent), mentre l’Inghilterra è presente con The Danish Girl (Tom Hooper). Altri titoli interessanti, che vanno a completare la selezione dei film in Concorso, il cinese Behemot (Zhao Liang), il turco Frenzy (Emin Alper), l’australiano Looking for Grace (Sue Brooks), il sudafricano The Endless River (Oliver Hermanus), il messicano Desde Allà (Lorenzo Vigas) ed infine l’argentino El Clan (Pablo Trapero). Continua a leggere

Venezia 72: omaggio a Mario Monicelli e “Il cinema nel giardino”

monicelli

Mario Monicelli

In occasione del centenario della nascita di Mario Monicelli (al Lido Leone d’oro alla carriera nel 1991 e Leone d’oro per La grande guerra nel 1959, ex aequo con Il generale Della Rovere, di Roberto Rossellini), la Biennale di Venezia gli rende omaggio con l’installazione Fantasmi, allestimento artistico al Palazzo del Casinò di Chiara Rapaccini, in arte RAP, che avrà luogo in anteprima durante la 72ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (2 – 12 settembre). Per il progetto Fantasmi, Chiara Rapaccini – la compagna di una vita del maestro Monicelli – si è ispirata alle fotografie del suo archivio privato. Si tratta di un gran numero di foto inedite, scattate dai più grandi fotografi di scena degli anni dai ’60 ai ‘90 sui set di molti capolavori del regista, tra i quali L’armata Brancaleone, Risate di gioia, Casanova 70, I compagni, rielaborandole e mettendo a punto una vera e propria installazione.
Al Palazzo del Casinò si vedranno 20 teli oscillare leggeri tra le colonne di travertino grigio delle grandi sale marmoree, come lenzuola stese ad asciugare.
Una ventina di anni fa Mario Monicelli gettò via, insieme ad altri documenti, le fotografie di un’intera vita di lavoro, ritenendole “documenti del passato di nessun valore”. Continua a leggere

Roma, “Persephon Trio” in concerto

LocandinaPersephon_DEF_Prende il via oggi, martedì 28 luglio, presso i Giardini della Filarmonica di Roma (Via Flaminia, 118) il festival ImagoMuzak con il concerto, alle ore 21, del Persephon Trio di Luigi Cinque, Lucilla Galeazzi e Fausto Mesolella, per poi proseguire nella giornata di domani, mercoledì 29 luglio, con il seminario- concerto di Antonio Infantino e Badara Seck, alle ore 18/20.30, presso Sala Casella (sempre in Via Flaminia, 118).
La kermesse intende creare un ponte fra centro e periferia, così da valorizzare la musica e l’immagine come mezzi di conoscenza, creazione e socializzazione. Il Persephon rappresenta un nuovo progetto, ideato da Luigi Cinque, e propone una decisiva innovazione musicale, dando vita ad una della formazioni più interessanti che si possano ascoltare sulla scena europea, la quale nella sua composizione si avvale dell’apporto artistico offerto da tre solisti di lungo corso, dal curriculum eccezionale, che hanno attraversato, nei loro passaggi artistici, in modo disinvolto e consapevole, il rock e il jazz, lo sperimentalismo e il popolare, segnando una parte fondamentale relativamente alla storia della musica e dello spettacolo contemporanei.
Facendo leva su Persefone quale mito del femminile per eccellenza, si delinea un viaggio nella memoria euro/mediterranea antica e moderna, un dialogo di nuova musica che attinge proprio dalle esperienze dei protagonisti. Continua a leggere

Venezia 72: le tre Giurie Internazionali

Emmanuel Carrère

Emmanuel Carrère

Sono state definite le composizioni delle tre Giurie internazionali (Venezia 72, Orizzonti, Premio Venezia Opera Prima Luigi De Laurentiis) della 72ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (2- 12 settembre), diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta.
Le personalità chiamate a fare parte della Giuria del Concorso di Venezia 72, oltre al presidente, il regista Alfonso Cuarón, sono: lo scrittore, sceneggiatore e regista francese Emmanuel Carrère; il regista turco Nuri Bilge Ceylan; il regista polacco Pawel Pawlikowski; il regista italiano Francesco Munzi; il regista taiwanese Hou Hsiao-hsien; l’attrice tedesca Diane Kruger; la regista e sceneggiatrice britannica Lynne Ramsay; l’attrice e regista statunitense Elizabeth Banks. La Giuria di Venezia 72 assegnerà ai lungometraggi in Concorso i seguenti premi ufficiali: Leone d’Oro per il miglior film, Leone d’Argento per la migliore regia, Gran Premio della Giuria, Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile, Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile, Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergenti, Premio per la migliore sceneggiatura, Premio Speciale della Giuria. Continua a leggere