Archivi del mese: maggio 2014

Play It Again, Bogie

Humphrey Bogart (cineblog)

Humphrey Bogart (cineblog)

In più di un momento della mia vita, nell’alternarsi di varie vicende e situazioni, così come avveniva per il critico cinematografico Allan Felix (Woody Allen) in Play It Again, Sam (Herbert Ross, 1972, dall’omonima pièce teatrale di Woody) ne ho materializzato la figura, mentre tutto intorno a me veniva avvolto da un fascinoso bianco e nero d’antan.
Eccolo lì, in penombra, appoggiato al bancone di un bar, sguardo apparentemente distante, egualmente malinconico e beffardo, sorriso ambiguo, modi rudi ma al contempo eleganti. Nessun imbarazzo nell’incontro, ci frequentiamo da tempo, una rapida stretta di mano ed è pronto ad ascoltarmi e a sfoderare un ostentato cinismo nel raccontarmi, con soppesate parole, fra un bicchiere di whiskey ed una tirata alla sigaretta, altrimenti eternamente pendula fra le labbra, cosa conta veramente nella vita, a partire da un’ostinata disciplina costituita da un personale codice comportamentale, volto in primo luogo al rispetto di se stessi e delle proprie convinzioni morali.
E io lì, col mio bicchiere di doppio bourbon (latte e cacao…) in mano, ad ascoltarlo rapito, condividendone ogni parola. Continua a leggere

Annunci

Nastri d’Argento 2014, le candidature

PSK1369945669PS51a7b6456efcbDi seguito riporto l’elenco delle candidature ai Nastri d’Argento 2014, riconoscimento assegnato dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani (SGCI), la cui cerimonia di premiazione (68ma edizione) si svolgerà al Teatro Antico di Taormina, in collaborazione con Taormina Arte, sabato 28 giugno.
Evidente il grande riscontro ottenuto da Il capitale umano di Paolo Virzì, 8 nomination, seguito a breve distanza dalla sorpresa Song’e Napule dei Manetti Bros., insieme a Ferzan Ozpetek col suo Allacciate le cinture (entrambi a quota 6). Risultati interessanti anche per Anni felici (Daniele Lucchetti) e soprattutto per In grazia di Dio di Edoardo Winspeare (5 candidature a testa), cui segue Le meraviglie di Alice Rohrwacher con 4 nomination, così come Più buio di mezzanotte (Sebastiano Riso) e Incompresa (Asia Argento).
Rilevante anche che sia stato riconosciuto il coraggio espresso da giovani ed esordienti registi quali, fra gli altri, Fabio Mollo (Il Sud è niente), Pif (La mafia uccide solo d’estate), Sydney Sibilia (Smetto quando voglio), capaci di fare la differenza, tanto per coerenza di stile quanto per una certa considerazione esternata nei confronti del pubblico, rispetto ai sin troppo abituali schemi facilmente ridanciani.

il-capitale-umano-cover-vcd-frontRegista del miglior film italiano: Daniele Luchetti (Anni felici); Ferzan Ozpetek (Allacciate le cinture); Alice Rohrwacher (Le meraviglie); Paolo Virzì (Il capitale umano); Edoardo Winspeare (In grazia di Dio). Miglior regista esordiente: Emma Dante (Via Castellana Bandiera); Fabio Grassadonia, Antonio Piazza (Salvo); Fabio Mollo (Il Sud è niente); Pif (Pierfrancesco Diliberto, La Mafia uccide solo d’estate); Sebastiano Riso (Più buio di mezzanotte); Sydney Sibilia (Smetto quando voglio). Miglior Commedia: La mossa del pinguino (Claudio Amendola); Smetto quando voglio (Sydney Sibilia); Song’e Napule (Manetti Bros.); Sotto Una Buona Stella (Carlo Verdone); Tutta colpa di Freud (Paolo Genovese). Continua a leggere

“MashRome Film Fest” III Edizione

1399367134726_0570x0356_1399367470420Si è svolta ieri, martedì 27 maggio, a Roma, presso il Radisson Blu, la conferenza stampa di presentazione della terza edizione di MashRome Film Fest, festival internazionale, unico in Italia, dedicato al mash up e al cinema sperimentale, fondato e diretto da Mariangela Matarozzo e Alessandra Lo Russo. Un appuntamento con la nuova creatività e l’inventiva di cui sono capaci in particolare le nuove generazioni di artisti, provenienti da tutto il mondo, nel proporre opere audiovisive originali, espressione di tendenze inedite ed aperte a nuovi orizzonti. Il Festival avrà luogo da martedì 3 a venerdì 6 giugno: i primi tre giorni vedranno come location principale il Teatro dell’Orologio, mentre la giornata conclusiva sarà ospitata dal Museo dell’Ara Pacis, per una quattro giorni di esplorazione ed accoglienza, con un programma ricco di opere idonee ad avviare processi di rinnovamento, crescita, maturazione ed evoluzione del linguaggio cinematografico.

Peter Greenaway (hollywoodreporter.com)

Peter Greenaway (hollywoodreporter.com)

Numerosi gli ospiti previsti, come Peter Greenaway, protagonista venerdì 6 giugno di una lectio magistralis (Auditorium Ara Pacis, ore 11) o, fra gli altri, Istvan Horkay, suo collaboratore e autore di diversi film sperimentali che saranno presentati in anteprima, Matt-Willis Jones, autore di una webseries fra le più premiate; fra i registi italiani, Danilo Torre (autore dell’installazione Oblò, presente proprio all’Ara Pacis), Stefano Volante, Linda Fratini, Giuseppe Lunardo, Paolo Santagostino, Roberto Prestia. Ospiti della cerimonia di premiazione saranno i Pollock Project, un ensemble art-jazz fondato da Marco Testoni (caisa drums, percussioni, loop; gli altri componenti sono Simone Salza, sax soprano; Elisabetta Antonini, voce e live electronics; feat Matz Hedberg, chitarra) che ha fatto del mash up e del rapporto con l’audiovisivo la propria cifra stilistica: per l’occasione presenteranno in anteprima quattro nuovi video con i relativi brani musicali. Continua a leggere

Un David per Sophia

Sophia Loren in una scena del film "La Voce Umana" (ansa.it)

Sophia Loren in una scena del film “La Voce Umana” (ansa.it)

Il Consiglio Direttivo dell’Accademia del Cinema Italiano ha deciso di assegnare uno dei Premi Speciali della 58ma edizione dei David di Donatello (10 giugno,presso gli studi Nomentano 5 della Rai, sarà trasmessa in diretta da Rai Movie) a Sophia Loren per la sua interpretazione nel cortometraggio La Voce Umana, diretta da Edoardo Ponti, tratto dal celebre testo teatrale (La Voix humaine, 1930) di Jean Cocteau, portato al cinema da Roberto Rossellini (l’episodio Una voce umana del film L’amore, 1948, interpretato da un’intensa Anna Magnani) e, liberamente tratto dall’opera originaria, da Pappi Corsicato nel 2007; il corto, sceneggiato in napoletano da Erri De Luca, è stato recentemente presentato, fuori concorso, al 67mo Festival di Cannes ed accolto favorevolmente dalla critica.
L’annuncio del premio ha avuto luogo oggi, martedì 27 maggio, a Napoli, nel corso della conferenza stampa indetta per l’uscita del suddetto film in dvd.

“Operazione Paura Film Festival” III Edizione

10153695_301728443336930_7689891574359661003_nOperazione Paura Film Festival, manifestazione dedicata al cinema horror italiano, dalle sue origini sino alle influenze esercitate a livello mondiale, ideata e diretta da Laura Da Prato (che, con l’Associazione Culturale B-Side, porta avanti una serie di progetti dedicati al cinema italiano in collaborazione con SpazioCinema), torna per la sua terza edizione e lo fa in una nuova veste, mantenendo la sua identità giovane e facendo leva sull’autofinanziamento. Complice la crisi e una situazione non proprio rosea per gli eventi versiliesi nell’ultimo periodo, a discapito del grande riscontro ottenuto dall’edizione 2013 tenutasi a Forte Dei Marmi, per far fronte all’assenza di grandi e adeguati budget Operazione Paura Film Festival si divide in 2 grandi eventi, la mostra L’orrore sulla carta e la parte cinematografica, Cortonatura, potendo sempre contare su un gruppo di dieci giovani professionisti, specializzati negli eventi, nella grafica e nella comunicazione, il cui lavoro è volto a a far sì che la manifestazione possa consolidare il suo status, un piccolo grande punto di riferimento per appassionati e una piacevole scoperta per i neofiti. Continua a leggere

“TaorminaFilmFest”, le anticipazioni della 60ma Edizione

taormina-film-festivalEcco qualche anticipazione sulla 60ma Edizione del TaorminaFilmFest, diretto da Mario Sesti e Tiziana Rocca, general manager, promosso dal Comitato Taormina Arte, che avrà luogo nella consueta location del Teatro Antico dal 14 al 21 giugno.
Saranno le donne, celebri attrici da tutto il mondo, le muse e le icone di questa speciale edizione, invitate a rappresentare i vari passaggi temporali della kermesse. A Claudia Cardinale sarà consegnato il Taormina Arte Award, mentre Eva Longoria riceverà l’Humanitarian Taormina Award per The Eva Longoria Foundation, la fondazione che aiuta le ragazze latino-americane a costruire un futuro migliore per se stesse e i loro familiari attraverso l’istruzione e lo sviluppo di attività imprenditoriali. L’apertura, la sera del 14 giugno, sarà affidata all’anteprima di Dragon Trainer 2, in 3D, alla presenza del regista Dean DeBlois, secondo capitolo della divertente trilogia DreamWorks dedicata alle avventure del giovane vichingo Hiccup e del suo drago Sdentato, che uscirà in Italia il 16 agosto. Tra i film attesi al Festival vi sarà Synecdoche, New York, diretto da Charlie Kaufman nel 2008, con Philip Seymour Hoffman, che uscirà in Italia il 19 giugno. Continua a leggere

67mo Festival di Cannes: Palma d’oro a “Winter Sleep”, “Le meraviglie” si aggiudica il “Grand Prix”

Nuri Bilge Ceylan (sentieriselvaggi.it)

Nuri Bilge Ceylan (sentieriselvaggi.it)

La giuria del 67mo Festival di Cannes, presieduta da Jane Campion e composta da Leila Hatami, Do-yeon Jeone, Carole Bouquet, Willem Dafoe, Gael Garcia Bernal, Sofia Coppola, Nicolas Winding Refn e Jia Zhang-kea, ha conferito nel corso della consueta cerimonia di premiazione, condotta da Lambert Wilson, la Palma d’Oro a Winter Sleep, per la regia di Nuri Bilge Ceylan, riconoscimento consegnato dall’attrice Uma Thurman e dal regista Quentin Tarantino.

Alice Rohrwacher (radiocinema.it)

Alice Rohrwacher (radiocinema.it)

Il Grand Prix del Festival, il cosiddetto “secondo premio”, consegnato da Sophia Loren, va a Le meraviglie di Alice Rohrwacher, prima regista italiana a far ingresso nel palmarès della kermesse; un nuovo riconoscimento che giunge fuori dagli italici confini a premiare i nostri lavori, ad ulteriore conferma di come un altro cinema in Italia sia ancora possibile, al di là di scritture prefabbricate e blindate in nome della (presunta) gradevolezza standardizzata: nella definizione statutaria del premio conseguito da Alice Rohrwacher, volto all’opera caratterizzata da “maggiore originalità o spirito di ricerca”, è contenuta quella che, ad avviso di chi scrive, dovrebbe costituire l’ispirazione guida, per produttori e distributori in particolare.
Curioso l’ex- aequo relativo al Prix du Jury, suddiviso fra il regista più giovane (Xavier Dolan) e quello più anziano (Jean-Luc Godard); di seguito, l’elenco di tutti i premi assegnati.

50479Palma d’Oro per il miglior film: Winter Sleep, Nuri Bilge Ceylan. Grand Prix: Le meraviglie, Alice Rohrwacher. Prix Du Jury: ex aequo Xavier Dolan (Mommy) e Jean-Luc Godard (Adieu au langage). Miglior attrice: Juliane Moore, Maps to the Stars (David Cronenberg). Miglior attore: Timothy Spall, Mr.Turner (Mike Leigh). Migliore Sceneggiatura: Andrey Zvyagintsev e Oleg Negin, Leviathan. Miglior regia: Bennett Miller, Foxcatcher. Camera d’Or per la miglior Opera Prima (tutte le sezioni): Party Girl (Marie Amachoukeli, Claire Burger e Samuel Theis). Palma d’Oro- Short Film: Leidi (Simón Mesa Soto)-Menzioni speciali a Aïssa (Clément Trehin-Lalanne) e Ja vi elsker (Hallvar Witzø).