Sherlock Holmes: Gioco di Ombre

4563L’ idiosincrasia per i sequel è ormai cosa nota a quanti abitualmente sono soliti leggere le mie riflessioni cinematografiche, ma voglio sperare lo sia altrettanto la passione per il cinema allo stato puro, quello ancora capace di stupire, ammaliare, coinvolgere con sapida suggestione e conquistare mente ed anima grazie ad una fragrante, genuina leggerezza: non è cosa da poco, in tempi di blockbuster studiati a tavolino, riuscire a divertire con intelligenza, sfruttando uno stile tutto sommato personale, pur nei molti rimandi filmici in forma di strizzatine d’occhio a far da gioco complice.

In considerazione di ciò, non potevo che restare favorevolmente colpito da Sherlock Holmes:Gioco di Ombre, atto secondo della rilettura del personaggio nato dalla penna di Sir Arthur Conan Doyle nel 1887 (A Study in Scarlet) ad opera del regista inglese Guy Ritchie: questi, affiancato da nuovi sceneggiatori (Michele e Kieran Mulroney), riesce a dare vita, con il consueto e frenetico stile “agitato non mescolato”, ad una storia più articolata, non in sospensione altalenante tra libertà e rispetto, ma con una certa attenzione allo spirito originario dell’eccentrico investigatore privato, pur puntando in particolare alla naturale simpatia espressa dal suo interprete (Robert Downey Jr.) e non al tratteggio psicologico propriamente detto della figura.

La voce narrante del Dr. Watson (Jude Law) ci introduce nella Londra del 1891, dove Holmes riesce a sventare un attentato, certo legato ad altri avvenuti in Europa, tanto da fargli intuire una diabolica macchinazione ad opera del professore James Moriarty (Jared Harris), volta a far sì che i già fragili equilibri tra le nazioni europee, Francia e Germania in particolare, saltino definitivamente, scatenando una guerra. Deciso a venire a capo del mistero, Holmes avvierà una partita a scacchi con il professore dai vari scenari, sino a quello risolutivo della Svizzera: al suo fianco il fratello Mycroft (Stephen Fry), l’immancabile Watson, interrotto giocoforza il viaggio di nozze, e la zingara Sim (Noomi Rapace)…

Per quanto l’ispirazione al racconto L’ultima avventura (The Final Problem, 1893) di Doyle resti sullo sfondo, intuibile da ogni buon sherlockiano, l’impatto del film, visualmente rutilante e provocatorio nelle scelte registiche (la visualizzazione dei ragionamenti di Holmes anticipatrice della sua entrata in azione o i vari salti temporali, avanti e indietro), pur senza seguire una linea ben precisa che non sia una spasmodica velocità d’azione, appare comunque meglio definito: meno volto al fumetto, ma sempre al videogame, lo stile di Ritchie, mai banale o inutilmente virtuosistico, è ben attento a mettere in campo, nella mescolanza di generi, temi classici quali l’amicizia virile espressa dalla “relazione atipica” tra Holmes e Watson o il tema del male insito inconsciamente nella natura umana, entrambi ben resi rispettivamente da Downey, Law e dal luciferino Harris. Presenti, poi, non disprezzabili punte di sottile humour, con il riso spesso suscitato dai travestimenti di Holmes (impagabile quello che ne fa un tutt’uno con l’arredo di uno studio).

Nel sottolineare, infine, la bella ricostruzione storica e una buona resa dei personaggi secondari, in particolare l’aplomb genuinamente e squisitamente britannico di Fry, l’invito è quello di lasciarsi andare e farsi coinvolgere, tenendo ben presente che siamo di fronte ad un prodotto di puro intrattenimento ma di grande qualità: non per niente la mente corre, nella costruzione complessiva aggiornata all’estetica odierna, verso i migliori 007 d’annata, sia per indubbia capacità di coinvolgere il grande pubblico con una buona dose di fantasia e gusto inventivo, sia, soprattutto, rimarcando quanto detto ad inizio articolo, per le modalità estremamente personali con le quali l’inverosimile riesce a divenire concreta cifra stilistica.

Annunci

4 risposte a “Sherlock Holmes: Gioco di Ombre

  1. SPOILER:

    Come ho già avuto modo di dire sul mio blog, gli holmesiani, al contrario dei trekkies e dei tolkieniani, amano che il loro idolo sia riproposto in ogni versione, dalla più rigorosamente classica di Jeremy Brett alla rocchettara, punk e demenziale. Robert Downey Jr, convince, e convince parecchio. E’ un Holmes ancor più sopra le righe di quanto mai Holmes sia stato, anche nei romanzi e nei racconti. Il personaggio è tutto affidato alle smorfie di Downey Jr, ma questo non lo pregiudica. Bravissimi Jude Law e Jared Harris, innovativi in ruoli che erano rimasti fossilizzati in icone e macchiette. peccato che abbiano fatto zoppicare Watson. Nel primo non zoppicava, e Doyle non scrisse mai che zoppicava (ancora ardore filologico, scusate!). Zoppica anche nella serie tv, con una bella stampellona ortopedica ergonomica, ma che cacchio! per inciso l’Holmes del telefilm è una piada d’egitto, mentre watson è ottimo.
    Il film sulle prime non convince, poi piglia sul serio con alcuni momenti in cui si trattiene veramente il fiato. peccato (di nuovo) l’esaltazione figurativa del contesto militare del secondo conflitto mondiale. Non abbiamo già abbastanza guierre che dobbiamo esaltare il vintage armaiolo della seconda guerra mondiale? Non amo i modellini dei carri armati e i diorami di Waterloo.
    Secondo me si sono ben studiati il primo e hanno tolto quello che non piaceva (Irene Adler, da impiccagione), aggiunto quello che era piaciuto (più Watson, un cattivo veramente diabolico), una trama più sostanziosa e meno lontana dai racconti di Doyle.
    Fry mi ha lasciata tiepida, adatto per la parte di Mycroft, non è riuscito a darle spessore.

  2. Una sola precisazione al tuo esaustivo commento: il conflitto mondiale del quale si presagiscono gli orrori è il Primo, per quanto una guerra sia sempre una guerra,qualunque sia la sua denominazione, con tutte le sue tragiche conseguenze.

  3. porc…è vero. E’ la mia idiosincrasia per i modellini che fa mio cuglino che mi ha condotto all’errore. cacchio, che figuraccia!

  4. …e anche la “elle” in “cuglino” è un errore freudiano…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...