Biancaneve e il cacciatore

biancaneve-e-il-cacciatore-L-HoLXwaCosì come non ho mandato giù la versione pacchianamente colorata, simil Bollywood, messa in atto dal regista indiano Tarsem Singh, della nota fiaba dei Fratelli Grimm, Biancaneve, uscita nelle nostre sale qualche mese addietro, le cui note ironiche si muovevano nella scia del citazionismo distruttivo in salsa Shrek, affidandosi ad una Julia Roberts manierata regina cattiva, ugualmente devo, purtroppo, ripetermi per Biancaneve e il cacciatore, regia dell’esordiente Rupert Sanders e sceneggiatura a più mani (Evan Daugherty, John Lee Hancock, Hossein Amini ).

biancaneve-e-il-cacciatore-L-E7mEuwLa pellicola, sospesa tra fantasy e gli stilemi propri dell’horror gotico, risente della mancanza di una vera e propria identità, accumulando nel corso della narrazione vari richiami al cinema fantastico degli anni ‘80 ( come La storia infinita, ’84, Wolfang Petersen o Labyrinth, ’86, Jim Herson) e, soprattutto, alla trilogia de Il signore degli anelli di Peter Jackson, evidenziando inoltre, a mio avviso, una mancata integrazione tra script e regia.
La sensazione dominante, infatti, è quella di aver assistito ad una serie di episodi assemblati tra loro, con passaggi fra l’uno e l’altro abbastanza bruschi (come la verdeggiante pianura popolata da fatine e soavi animaletti, debitrice sia verso la Disney, quella di Walt, beninteso, sia di Miyazaki e del suo Principessa Mononoke, vedi il cervo-divinità), per quanto l’impianto complessivo possa contare su una certa visionarietà, spesso annacquata da rallenty e patinature varie, che tradiscono le precedenti esperienze di Sanders nell’ambito degli spot pubblicitari.

Charlize Theron

Charlize Theron

La storia prende piede col classico incipit fiabesco, “c’era una volta”, l’unione felice tra il Re Magnus (Noah Huntley) e la Regina Eleanor (Liberty Ross), la nascita di una bella bambina, Biancaneve, per poi proseguire con la morte improvvisa della sovrana, il regno attaccato dall’Armata Oscura, subito respinta, e il salvataggio di un’affascinante donna, Ravenna (Charlize Theron): Magnus se ne invaghisce e la sposerà il giorno dopo. Mal gliene incolse, visto che la maliarda, ossessionata dall’odio verso il genere maschile, bramosa di potere e dell’eterna giovinezza, non esiterà a far fuori il consorte durante l’inaugurazione del talamo nuziale (prima dell’amplesso, peggio di una mantide …), impadronendosi del regno e facendo rinchiudere la figliastra in una torre, dalla quale però l’intrepida fanciulla (Kristen Stewart) riuscirà a fuggire circa quindici anni dopo; Ravenna darà allora incarico ad un avvinazzato cacciatore (Chris Hemsworth) di ucciderla e portarle il suo cuore, necessario perché resti giovane e bella …

Ciò che sostanzialmente nuoce al film è il non riuscire ad attuare la concretezza stilistica della “bella fiaba”, per quanto riveduta e corretta nei toni sopra descritti, con riferimenti all’attualità (il tema dell’eterna bellezza) e i tentativi, piuttosto grevi, di solleticare i palati più fini impiantando trascorsi infelici per Ravenna, personaggio ben reso da Charlize Theron, pur se spesso al di sopra delle classiche righe (ma un suo sguardo sarebbe capace d’erotizzare una fotocopiatrice), o del cacciatore Hemsworth, il divino Thor che ha sostituito il martellone con l’ascia, giusto per avere un nuovo oggetto come valido parametro di riferimento recitativo.
Riguardo Neve, ancora una volta indossa i panni dell’indomita guerriera, novella Pulzella d’Orleans, non riuscendo però a suscitare alcuna empatia causa la solita espressività monocorde di vampirella Stewart, pari solo ad un monolito di Stonehenge, che recita il Padre Nostro come una filastrocca per bambini e cerca malamente d’infervorarsi in un discorso volto ad incitare la folla prima della pugna finale, la cui “epicità” è data dalla confusione e mancanza di senso logico.

biancaneve-e-il-cacciatore-L-HOKj26Non mancano i nani, otto, che poi diverranno sette, attori “normali” rimpiccioliti digitalmente (nel gruppo vi è anche Bob Hoskins), ovviamente tutti zozzi e grifagni ma dal cuore d’oro, il buon principe giuggiolone (Sam Claflin) e la mela avvelenata, con al riguardo l’unico risvolto a parere mio particolarmente interessante: una volta addentato il frutto e ormai apparentemente destinata al riposo eterno, la principessa non sarà ridestata dal bacio del suo pari, ma, senza svelare troppo, verrà data inedita validità all’ormai vetusto adagio “l’uomo è cacciatore”…

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...