Ernest Borgnine, “con quella faccia un po’ così…”

ernest-borgnine-con-quella-faccia-un-po-cosi-L-kVV63VE’ morto a Los Angeles, all’età di 95 anni, Ernest Borgnine (foto), uno degli ultimi grandi caratteristi della “vecchia Hollywood”, estremamente duttile e poliedrico, capace d’esprimersi anche in ruoli da protagonista, vedi l’ormai dimenticato Marty, vita di un timido, Oscar come miglior attore nel 1956, nonostante le caratteristiche fisiche distanti dai classici canoni divistici che, comunque, hanno contribuito negli anni a caratterizzare ulteriormente le sue interpretazioni, sempre estremamente vere ed incisive, al di fuori dei soliti convenzionali registri.

Nato da genitori italiani come Ermes Effron Borgnino ad Hamden, il 24 gennaio 1917, Borgnine, dopo aver prestato servizio in Marina durante la II Guerra Mondiale, si avvia alla carriera d’attore spinto dalla madre, seguendo i corsi della Randall School of Drama di Hartford, iniziando a calcare le scene unendosi alla compagnia del Barther Theatre, Virginia, debuttando nel ’49, a Brodway, con Harvey.

Nel 1951 si trasferisce a Los Angeles e qui prende avvio la sua carriera cinematografica, sempre in alternanza tra produzioni minori come il suo primo film, China Corsair, ’51, di Ray Nazarro, e pellicole dirette da registi del calibro di Fred Zinnermann, quali Da qui all’eternità, dove resterà indimenticabile la sua interpretazione del sadico e ghignante sergente James “Fatso” Judson.

Senza ridurre la sua interessante carriera ad un freddo elenco di tanti, numerosi, lavori, anche televisivi, preferisco menzionare gli autori che con le loro opere hanno saputo valorizzarne al meglio l’innato mix tra esuberanza (difficile dimenticare la sua risata) e prorompente spontaneità recitativa: Robert Aldrich (Vera Cruz, ’54, Quella sporca dozzina, ’67, L’imperatore del Nord, ’73), Nicholas Ray (Johnny Guitar, ’54, All’ombra del patibolo, ’56) e Sam Peckinpah (Il mucchio selvaggio, ’69, Convoy-Trincea d’asfalto, ’78).

Personalmente, oltre al citato ruolo di Marty, mi piace ricordarlo nello splendido cammeo in Red, di Robert Schwentke, 2010, rinchiuso in un archivio bunker, una delle sue ultime interpretazioni, malinconicamente soffusa d’ironia ed autoironia, entrambe proprie di un grande attore che probabilmente non si riteneva tale, così naturalmente lontano, anche nei ruoli minori, da qualsivoglia istrionismo o gigionismo d’ordinanza.

About these ads

8 risposte a “Ernest Borgnine, “con quella faccia un po’ così…”

  1. Devo dire che questa notizia mi ha toccato particolarmente perché questo è stato un attore che ho sempre stimato per le sue notevoli caratterizzazioni e un lavoro sempre valido anche se spesso un po’ defilato in ruoli da comprimario. Borgnine è stato molto duttile nelle sue interpretazioni come hai opportunamente evidenziato nel tuo articolo. Personalmente lo ricordo con piacere, tra le tantissime prove, in due dei pochi film in cui è protagonista: lo spietato capotreno ne “L’imperatore del nord” di Aldrich e il burbero passeggero nel catastrofico “L’avventura del Poseidon” di Neame. Notevole, come hai citato anche tu, la sua prova nel film di Zinnemann “Da quì all’eternità” – indimenticabile la scena della scaramuccia nel locale con lui, Frank Sinatra e Burt Lancaster.
    Purtroppo non ho ancora visto “Marty”, il film in cui l’attore vinse l’Oscar.

    Cari saluti,
    Francesco

    • Lo stesso vale per me, quando ci lasciano attori o registi che abbiamo seguito e amato negli anni, fosse anche per l’interpretazione o la direzione in un solo film, resta un vuoto dentro difficile da spiegare. “Marty” a mio avviso è una pellicola da recuperare, Borgnine è veramente sorpredente per le tante sfumature che riesce a dare al personaggio.

  2. Inoltre mi è piaciuto tantissimo nelle poche scene del film:Gesù di Nazareth.
    Scene toccanti, con quelle epressioni doloranti del viso…Grande attore!!! R.I.P.

    • Sicuramente, lo ricordo anch’io con piacere e commozione nella parte del centurione, sia nella scena in cui Gesù guarisce il suo servo, che in quella finale sotto le croci, quando permette a Maria di accostarsi al “legno infame” o si toglie l’elmo assistendo alla morte del Cristo: pochi sguardi, qualche gesto o espressione minimale ma di grande intensità.

  3. Per me è immortale in uno dei film che mi hanno maggiormente emozionato da ragazza (e che continuano ad emozionarmi): “L’avventura del Poseidon”. Mi pare che il nome del suo presonaggio fosse “Mr. Drogo”, ma sulla scheda web ho trovato “Ronald Neame”.

    • Ronald Neame era il nome del regista, andando a memoria (quindi potrei sbagliarmi), il personaggio interpretato da Borgnine era in effetti il detective Mike Drogo. Come capita spesso, ognuno di noi per un determinato attore ha in mente una sua ben precisa interpretazione, per i motivi più vari. E’ il bello del cinema.

  4. cercando meglio ho scoperto che il nome era “Rogo”. Già, ora ricordo. Mi sarò confusa con il padre di Frodo, lo hobbit, che si chiamava Drogo, per l’appunto.
    Io su questo film ci piango ancora, sono contenta che Rogo si sia salvato, ma mi è dispiaciuto da morire per la moglie (Stella Stevens, leggo sulla scheda).
    E’ bello il cinema sì.

    • Vero, stamane a mente fresca (beh, insomma, tutto è relativo) ho consultato i “sacri testi” e il nome del personaggio interpretato da Borgnine era Rogo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...