Brevi da Cannes, in attesa della Palma d’Oro

34In attesa dell’ assegnazione della Palma d’oro, dal 64mo Festival di Cannes arrivano notizie sui premi collaterali, relativi alle varie sezioni, come il curioso Palme Dog, riconoscimento cinofilo (e qui i giochi di parole…) istituito nel 2011 dal giornalista inglese Tobby Rose, assegnato al terrier Uggy (foto), che accompagna le gesta di Jean Dujardin, protagonista dell’acclamato e insolito film muto The Artist, Michel Hazanavicius; riconoscimento anche per Laika, meticcia presente in Le Havre, Aki Kaurismaki.

Nell’ambito della Quinzaine, Bouli Lanners, Les Géants, porta a casa il premio CICAE, conferito dagli esercenti indipendenti, e il premio SACD, assegnato dalla società francese che gestisce i diritti d’autore, mentre il Label Europa Cinemas va a Atmen, Karl Markovics; Paolo Sorrentino, This must be the place, ha vinto il Premio Ecumenico mentre due menzioni sono andate al sopra citato film di Aki Kaurismaki e alla pelllicola di Nadine Labaki, Et maintenant on va ou; la Queer Palm, riconoscimento relativo ai film a tematica LGBT, è stato conferito a Skoonheid, Oliver Hermanus.

La giuria della sezione Un Certain Regard , presieduta da Emir Kusturica, ha premiato ex-aequo Arirang di Kim Ki-duk e Halt auf freier Strecke, di Andreas Dresen, mentre il premio speciale della giuria è andato ad Elena di Andrei Zvyagintsev e quello per la regia a Mohammad Rasoulof, Bé Omid é Didar.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...